giovedì 8 Dicembre 2022

Per la prima volta sono state trovate microplastiche nella placenta di donne incinte

È stata accertata per la prima volta la presenza di microplastiche nella placenta umana. Lo afferma la ricerca condotta dall’Ospedale Fatebenefratelli di Roma e dal Politecnico delle Marche, pubblicata sulla rivista scientifica Environment International con il titolo “Plasticenta”. Approvato dal Comitato etico, lo studio ha analizzato le placente di sei donne tra i 18 e i 40 anni, tutte in salute e con gravidanze normali. Tramite la Raman microspettroscopia, nelle loro placente sono stati identificati dodici frammenti di materiale artificiale delle dimensioni di un batterio (tra i 5 ed i 10 micron), tre dei quali di polipropilene, elemento riscontrabile nelle bottiglie di plastica, e nove di materiale sintetico verniciato. Si tratta di frammenti microscopici di cosmetici, smalto per le unghie e creme per il viso, inglobati nell’organismo delle madri tramite alimentazione (si pensi al cibo confezionato) o per inalazione, e poi ritrovati nella parte di placenta integrante del feto, nella parte attaccata all’utero e nelle membrane in cui è avvolto il feto stesso.

“E’ come avere un bimbo cyborg: non più composto solo da cellule umane, ma un misto tra entità biologica e entità inorganiche” commenta Antonio Ragusa, primo autore dello studio, ipotizzando altresì che la presenza di microplastiche nell’organismo possa risultare in anomalie nel sistema immunitario.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI