giovedì 18 Agosto 2022

L’Oms ammette: il lockdown avrà conseguenze gravissime sulla salute mentale

Hans Kluge capo dell’ufficio europeo dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), ha sottolineato l’impatto della pandemia sulla salute mentale. “Il covid-19 ha costretto famiglie e comunità a separarsi, ha spinto aziende in bancarotta ed ha privato le popolazioni di opportunità che un anno fa erano date per scontate. La pandemia avrà un impatto sulla salute mentale a lungo termine e di vasta portata. Un’indagine dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) sul covid-19 e sui giovani ha rilevato che il coronavirus ha portato un ragazzo su due (tra i 18 e i 29 anni) ad essere soggetto a depressione o ansia e uno su sei probabilmente ad esserne colpito; anche il 20% degli operatori sanitari ne soffre. Sebbene influenzata in modo diverso, nessuna fascia d’età è stata risparmiata dalla pandemia.

Il bilancio, secondo Kluge, “sarà aggravato dalle ansie che spesso si presentano durante l’inverno e le festività natalizie. È fondamentale adottare misure per contrastare l’impatto sulla salute mentale delle nostre comunità in ogni modo possibile. Inoltre, in molte, i disturbi mentali sono ancora stigmatizzati”. Dunque, è fondamentale, spiega  Kluge, sensibilizzare la popolazione su questo tema. Con il tempo la vera portata della crisi diventerà più chiara e verrà offerto supporto e assistenza specializzata a coloro che sono in condizioni di salute mentale gravi.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI