mercoledì 29 Giugno 2022

L’Onu ha appena riconosciuto il valore medico della cannabis

Con un voto storico l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha riconosciuto le proprietà mediche e terapeutiche della cannabis. Il voto si è tenuto questa mattina a Vienna da parte della Commissione sugli stupefacenti, l’organo esecutivo dell’ONU sulla politica delle droghe. Il voto è passato con la maggioranza semplice dei 53 stati membri della Commissione. Quasi tutti gli Stati dell’Unione Europea – con l’eccezione dell’Ungheria – e molti Stati delle Americhe hanno votato a favore, mentre la maggioranza dei Paesi dell’Asia e dell’Africa si è opposta.

La cannabis è stata depennata dalla Tabella IV della Convenzione Unica sugli stupefacenti del 1961, quella all’interno della quale sono inseriti le sostanze stupefacenti “particolarmente dannose e di valore medico o terapeutico estremamente ridotto”, il che significa che l‘utilità medica di questa pianta è ufficialmente riconosciuta.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI