lunedì 28 Novembre 2022

Mai così tanti uragani, per gli scienziati c’entra il cambiamento climatico

Gli scienziati del clima affermano che la stagione record degli uragani di quest’anno nell’America centrale è legata alla crisi climatica. La prova non sta nelle 30 tempeste tropicali scatenate finora, ma nella loro potenza, rapidità d’intensificazione e quantità di precipitazioni. L’America centrale è stata colpita soprattutto nel “corridoio secco”, che si estende dal nord della Costa Rica al sud del Messico. Qui, l’uragano Eta da solo, ha messo in difficoltà 2,5 milioni di persone, di cui 1,7 milioni in Honduras.

Ieri mattina Lota ha colpito la Colombia, diventando la trentesima tempesta con nome della stagione degli uragani di quest’anno. L’US National Hurricane Center (NHC) ha dichiarato che i suoi venti soffiavano a 137 km/h e lo hanno definito di categoria 1.

La stagione degli uragani atlantici dovrebbe durare fino al 30 novembre di quest’anno e Lota potrebbe non essere l’ultimo.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI