mercoledì 18 Maggio 2022

Polonia: migliaia in piazza contro il divieto all’aborto

Migliaia di donne e uomini polacchi sono scesi in strada venerdì sera, nelle principali città del Paese, per difendere il diritto all’aborto. Da pochi giorni la Corte Costituzionale della Polonia ha messo quasi totalmente fuori legge l’interruzione di gravidanza, anche nei casi di malformazione del feto. Il Consiglio d’Europa ha protestato contro la decisione, che limita il diritto all’aborto ai casi di stupro, incesto e di rischio per la vita della madre.

La polizia ha usato i lacrimogeni contro alcuni giovani che stavano protestando davanti alla casa di Kaczynski, il capo del partito al potere in Polonia (a favore della stretta). Bloccati dalle forze dell’ordine che hanno strappato loro gli striscioni, alcuni manifestanti hanno risposto lanciando pietre.

La Polonia conta meno di 2.000 aborti legali l’anno, ma le stime raggiungono le 200.000 interruzioni se consideriamo quelle praticate all’estero o illegalmente.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI