lunedì 28 Novembre 2022

Nigeria, si aggravano le proteste: almeno 56 morti

La violenza in Nigeria continua: 56 persone sono morte dall’inizio delle proteste #EndSARS. Lo afferma Amnesty International (associazione per i diritti umani), aggiungendo che nella sola giornata di martedì sono state tolte 38 vite. Giovedì, sono esplosi degli spari a Lagos, dopo che un incendio è stato appiccato nella prigione della città. La polizia ha dichiarato che le fiamme sarebbero state appiccate da qualcuno all’interno.

Nei giorni scorsi, il presidente Muhammadu Buhari aveva chiesto in una dichiarazione firmata dal suo consigliere “comprensione e calma”, senza menzionare gli attacchi subiti dai manifestanti. Ieri sera però, in televisione, ha invitato a sospendere le proteste e coinvolgere il governo nella ricerca di soluzioni.

Le proteste sono dovute al trattamento rivolto ai civili da parte della “Sars” (Squadra speciale anti-rapina della polizia), che si è sciolta dopo l’inizio delle manifestazioni. Le accuse ricevute riguardano estorsione, tortura ed omicidio. 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI