giovedì 1 Dicembre 2022

A Madrid analizzano le fogne per localizzare i focolai di Covid (e sembra funzionare)

La Spagna è uno dei paesi più colpiti in assoluto dal Covid-19, ma nell’area di Madrid, la situazione epidemiologica sta migliorando grazie all’approccio adottato dal governo locale: andare a caccia del virus nelle fogne e chiudere con mini-lockdown i soli quartieri dove stanno per scoppiare nuovi focolai. È il “metodo Madrid”: misurando il virus nelle acque reflue (di scarico), si può capire se entro 48 ore esploderà un focolaio. Ciò ha permesso di chiudere solo le aree più a rischio e non l’intera metropoli, tutelando così l’economia e quanto più possibile la libertà delle persone. Il “metodo Madrid” in realtà non è totalmente nuovo, infatti negli Stati Uniti viene sfruttato non solo per proteggere le singole città, ma complessi circoscritti come i campus universitari.

Le analisi delle acque reflue sono un importante campanello d’allarme per la pandemia, lo dimostrano anche i dati in Italia. L’Istituto Superiore di Sanità (ISS), nei mesi scorsi, ha accertato che tracce di coronavirus erano presenti nelle fognature di Milano e Bologna già a dicembre del 2019. Nessuno si immaginava cosa sarebbe accaduto dopo, ma monitorare le fogne può essere un metodo efficace per spezzare la catena dei contagi.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI