martedì 16 Agosto 2022

Nello Xinjiang sono state demolite migliaia di moschee

Dal progetto dati dell’Australian Strategic Policy Institute (ASPI), che utilizza immagini satellitari e rapporti sul campo per mappare la costruzione di campi di lavoro e la distruzione delle moschee, si evince che queste ultime fossero più di 24000 nella zona dello Xinjiang. Il governo cinese si era impegnato a proteggerle, ma
un rapporto del Thinktank (instituito indipendente che analizza le politiche pubbliche), afferma che due terzi delle moschee della zona sono state danneggiate o distrutte e sostituite poi da lotti vuoti, strade e parcheggi. Ad oggi dovrebbero esserne rimaste circa 3000. Inoltre, Ordam Mazar, santuario e meta di pellegrinaggi risalente al X secolo, è stato raso completamente al suolo.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI