lunedì 24 Giugno 2024

La Russia ha inserito Zelensky nella lista dei ricercati

La Russia ha ufficialmente inserito nella lista dei ricercati il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky. Lo hanno dichiarato negli ultimi giorni le autorità di Mosca. La decisione è stata assunta dal ministero dell’Interno russo sulla base del Codice penale nazionale, ma non è stato puntualizzato per quale crimine Zelensky sia formalmente imputato né l’articolo alla base dell’imputazione. Contestualmente, la Russia ha anche spiccato l’ordine di arresto per l’ex presidente ucraino Petro Poroshenko – alla guida del paese dal 2014 fino alla sfida persa con l’attuale presidente cinque anni dopo – nonché l’ex ministro della Difesa ucraino, ora rettore dell’Università nazionale di difesa, Mikhail Koval. Nel frattempo, come dichiarato dalla stessa intelligence di Kiev, la situazione sul campo vede l’esercito russo prendere molto terreno, erodendo settimana dopo settimana le difese ucraine.

«Putin non vuole la pace, è pazzo e il suo Paese ne dà prova ogni giorno», ha dichiarato Zelensky su X (ex Twitter) dopo aver appreso di essere stato inserito nella lista dei ricercati dal Cremlino, aggiungendo che «per superare questo male e vincere la guerra, abbiamo bisogno della massima unità mondiale» e che «la Russia può solo essere costretta a lasciare in pace l’Ucraina». Dal giorno dell’invasione fino a oggi, alla lista dei ricercati – in cui figurano, per i motivi più vari, decine di migliaia di persone – sono stati aggiunti molti nomi di politici e personaggi pubblici di vari Paesi, nonché centinaia di soggetti che gli investigatori del Cremlino hanno inquadrato come “mercenari stranieri” impiegati nelle forze armate ucraine di Kiev. Ci sono poi, ovviamente, numerosi ufficiali militari delle alte gerarchie ucraine. È ad esempio il caso di Valery Zaluzhny, ex capo delle forze armate di Kiev, e di Oleksandr Syrsky, che guidava da comandante le forze di terra e oggi è a capo dei militari ucraini. Tra i politici, sono in lista tre ex ministri ucraini della Difesa, ovvero Mykhailo Koval, Stepan Poltorak, Andriy Zagorodnyuk. In seguito all’emissione del mandato d’arresto internazionale nei confronti di Vladimir Putin da parte della Corte Penale Internazionale, alla lista dei ricercati sono stati inoltre inseriti, tra gli altri, il giudice italiano Rosario Aitala – messo sotto accusa proprio per aver spiccato quel mandato d’arresto – e la premier estone Kaja Kallas, che si espresse a favore della demolizione dei monumenti sovietici nel paese baltico. Almeno 176 individui sono poi destinatari di mandati d’arresto per partecipazione alla guerra, legami con le autorità di Kiev o dichiarazioni pubbliche. Sono alcune decine gli italiani presenti nella lista: il nome più noto è quello di Giulia Schiff, pilota arruolatasi in Ucraina per combattere l’invasione nel Donbass.

Raggiunto dalla notizia, il ministero degli Esteri ucraino ha commentato che «l’annuncio della Russia che ha inserito il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nella lista dei ricercati è la prova della disperazione della macchina statale e della propaganda russa, che non ha altre scuse degne di nota da inventare per attirare l’attenzione». L’Ucraina ha dunque utilizzato tale circostanza per parlare della “disperazione” dei russi. Tuttavia, proprio ieri, il numero due dei servizi segreti militari ucraini (Gur), il generale Vadim Skibitski, ha lanciato l’allarme su una situazione sempre più insostenibile per Kiev, affermando che la Russia sta avanzando sul campo di battaglia ucraino e potrebbe «prendere i Paesi baltici in sette giorni» se gli alleati non intensificheranno il proprio sostegno al governo Zelensky e ammettendo che le forze russe operano come «un unico corpo, con un piano chiaro e sotto un unico comando». I vertici militari ucraini hanno confermato che la situazione sulla linea di combattimento che taglia le regioni del Donetsk e del Lugansk sta progressivamente peggiorando, essendo le truppe russe meglio equipaggiate e numericamente superiori. Nel frattempo, Vladimir Putin ha ordinato al suo esercito di svolgere esercitazioni sulle armi nucleari che coinvolgano la marina e le truppe con base vicino all’Ucraina. Una «risposta alle dichiarazioni occidentali circa l’invio di truppe» a Kiev (è stato in particolare il presidente francese Emmanuel Macron a tornare a ventilare l’ipotesi) che rappresenta «una spirale di tensione senza precedenti e richiede misure speciali», ha detto il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov.

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

5 Commenti

  1. Scusate, neanche un cenno sul sito Myrotvorec’ gestito direttamente dall’SBU e il ministro degli interni Ucraino, dove ci sono le liste dei “nemici dell’Ucraina” con tanto di didascalie come “liquidato” accanto a gente come il grandissimo Andrea Rocchelli, foto reporter italiano ucciso dagli Ucraini perchè raccontava la verità del Donbass? E le liste nere dell’Unione Europea? E quelle dei “Putiniani italiani” e altre simili follie?
    L’articolo mi sembra piuttosto fazioso per come è scritto, un mandato d’arresto per un criminale del calibro di Zelensky mi sembra il minimo che si possa fare, non mi aspettavo una roba simile su questo giornale.
    Aggiungo che dovrebbero includere mandati d’arresto per la maggior parte dei politici e leader occidentali, tutti criminali con le mani insanguinate, che ci stanno trascinando in un abbisso senza fondo, devastando il presente e soprattutto il futuro dei nostri paesi. Ma la storia sarà chiara su quanto stiamo vivendo, e spero in una Norimberga 2.0 per tutti questi soggetti.
    La cosa più triste è che la maggior parte delle persone non capsice da che parte della storia siamo, sia per ignoranza che per superficialità generale. Tempi bui come non mai purtroppo.

    • L’articolo a me invece è sembrato equilibrato, non leggo tra le righe polemiche o giudizi riguardo alle “liste” russe.
      Forse citare informazioni sulle “liste” ucraine o europee poteva essere utile per inquadrare meglio il fenomeno, ma non ci trovo il tanto da definire “roba simile” questo pezzo.
      Grazie comunque, Mauro, per aver ricordato le liste dei “nemici dell’Ucraina” e l’assassinio del collega Andrea Rocchelli.

      • Dici equilibrato, concordo ma parzialmente, lo è ma fino a un certo punto.
        Il non aver voluto citare le altre “liste”, quelle si realmente inaccettabili e pericolose, non fa capire al lettore, che mediamente è scarsamente informato, in che contesto la Russia ha preso questa decisione. Questa omissione, assieme all’approfondimento univoco su queste liste russe, condito con citazioni deliranti come quelle del burattino al comando in Ucraina e di Skibitski, fanno inevitabilmente passare questa scelta del Cremlino come un qualcosa di anomalo e di scorretto, quando invece è esattamente il contrario.
        Quello che ho notato ultimamente tra i vari articoli qui, è che mentre su certi temi, come ad esempio la repressione delle forze dell’ordine o il genocidio di Gaza, i giornalisti di questo sito prendono giustamente posizioni nette e decise, quando si tratta di Russia c’è sempre un certo riserbo, si sta molto attenti, un approccio molto più soft, apparentemente equidistante, come se fosse inopportuno schierarsi o parlare coerentemente di tutto quello che succede, nonostante le oggettive evidenze multiple che la storia, dal crollo dell’URSS in poi, ci fornisce.
        E devo ammettere, da abbonato e sostenitore di questo giornale, che questa cosa un pò mi inquieta.
        In ogni caso grazie a te per la risposta, è sempre più raro trovare persone lucide con cui confrontarsi civilmente, meno male che qualcuno c’è ancora.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI