mercoledì 17 Aprile 2024

Il Consiglio europeo ha presentato un piano per “preparare i cittadini alla guerra”

Per la prima volta, all’interno di una bozza del Consiglio europeo è stata messa nero su bianco l’esigenza di un piano d’emergenza in caso di attacco militare e la necessità “imperativa” di mettere in atto una “preparazione militare-civile rafforzata nonché coordinata”, oltre che una “gestione strategica delle crisi nel contesto dell’evoluzione del panorama delle minacce”. Nel testo si invita specificamente la Commissione UE a mettere in atto “azioni per rafforzare la preparazione e la risposta alle crisi a livello dell’UE in un approccio che tenga conto di tutti i rischi e di tutta la società, in vista di una futura strategia di prontezza”. La bozza è in discussione al vertice del Consiglio UE, in corso da ieri, dove è stato peraltro dato il via libera sull’utilizzo dei profitti degli asset russi congelati per finanziare l’invio di ulteriori armi in Ucraina.

L’ipotesi di mettere mano a un vero e proprio programma d’emergenza per fronteggiare un possibile attacco bellico sarà dunque vagliata dai leader dei Paesi membri, riuniti a un tavolo incentrato sulle prospettive che l’attuale escalation nell’Europa orientale potrebbe aprire. Che si contempli in maniera sempre più concreta la crescente minaccia di un conflitto armato è evidente dal fatto che il passaggio in cui si fa riferimento alla preparazione dei civili a un potenziale periodo di guerra sia stato inserito all’interno della sezione “militare” del documento. A margine della prima giornata di colloqui, la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, ha dichiarato che l’accordo raggiunto dai leader per utilizzare i proventi degli asset russi congelati potrà permettere di disporre per l’anno corrente di tre miliardi di euro da investire per acquistare equipaggiamenti militari da fornire all’Ucraina. E mentre l’ipotesi di creare eurobond per la difesa è appoggiata da Italia, Spagna, Lituania ed Estonia, sul punto hanno espresso perplessità Germania, Danimarca, Finlandia, Paesi Bassi e Svezia. A spronare i leader a intensificare lo sforzo bellico in supporto a Kiev è stato, come da copione, il presidente ucraino Volodymir Zelensky, il quale ha manifestamente criticato l’entità del sostegno dei Paesi membri, a suo dire insufficiente per piegare le forze russe. «Purtroppo, l’uso dell’artiglieria in prima linea da parte dei nostri soldati è umiliante per l’Europa, nel senso che l’Europa può dare di più, ed è fondamentale dimostrarlo adesso», ha dichiarato Zelensky, aggiungendo che «i sistemi di difesa aerea esistenti non sono sufficienti a proteggere l’intero nostro territorio dal terrorismo russo», dal momento che l’obiettivo è quello di «far sì che Putin perda la battaglia per il cielo ucraino». Il presidente ucraino ha dunque chiesto un concreto cambio di passo, affermando che «questa è la guerra della Russia non solo contro l’Ucraina, ma contro tutti noi, anche contro i vostri paesi, contro tutta la nostra Europa e lo stile di vita europeo».

Lo scenario che si sta progressivamente tratteggiando era già stato delineato dalle parole espresse dal presidente del consiglio europeo, Charles Michel, in un intervento pubblicato alcuni giorni fa da vari media europei (La Stampa nel nostro Paese), il cui autore ha dichiarato che «se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci alla guerra». «Oggi ci troviamo di fronte alla più grande sfida alla sicurezza dalla Seconda Guerra Mondiale, dobbiamo quindi rafforzare la nostra capacità di difesa – ha detto Michel –. Ciò richiederà un cambiamento radicale e irreversibile nel nostro modo di pensare, verso una mentalità di sicurezza strategica». Massimo sforzo, dunque, dovrà essere veicolato dall’Europa nella cornice del conflitto russo-ucraino secondo Michel, il quale si è detto convinto che «mentre rafforziamo la nostra capacità di difesa, dobbiamo garantire che l’Ucraina ottenga ciò di cui ha bisogno sul campo di battaglia», dal momento che «i soldati ucraini hanno urgentemente bisogno di proiettili, missili e sistemi di difesa aerea per controllare i cieli». Il presidente del Consiglio Europeo aveva già anticipato che occorresse utilizzare «il bilancio europeo per acquistare attrezzature militari per l’Ucraina e utilizzare i profitti inattesi derivanti dalle attività immobilizzate della Russia per acquistare armi per l’Ucraina», puntando a «raddoppiare ciò che acquistiamo dall’industria europea entro il 2030». Parole che hanno riecheggiato quelle pronunciate solo tre settimane fa dalla presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, che in un intervento di fronte al Parlamento Europeo aveva affermato che «la guerra non è impossibile, l’Europa si armi: la libertà della Unione europea è in gioco» e che «servono più armi, dobbiamo produrne di più come abbiamo fatto con i vaccini».

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

10 Commenti

  1. ormai, verso la guerra, sembra già tutto programmato come ora vuole l’Unione Europea: del resto l’Occidente è alle corde, l’America non regge più, le armi prodotte in questi ultimi anni non possono restare inutilizzate, la paura sembra dominare sempre più la scena, i massacri di civili sono sempre più grandi, in Europa la maggioranza delle persone vuole allontanare pensieri che disturbano il quieto vivere, se così si può dire. Insomma, senza che molti se ne rendano conto, la resa dei conti si avvicina e sarà dura per tutti, un risveglio spiacevole credo. A questo punto bisogna prepararsi, da una parte vivendo normalmente fin che sarà possibile, dall’altra programmare un piano b: fare scorte di generi di prima necessità, avere un luogo possibilmente appartato e sicuro dove rifugiarsi, valorizzare i contatti famigliari o, per lo meno, quelli con le, credo, poche persone di cui si ha fiducia per far rete in caso di necessità. E auguriamoci di poter sopravvivere, nonostante tutto.

  2. Sono veramente disgustata e preoccupata… I politici europei scelgono di prepararsi alla guerra passando sulle ns vite come se noi cittadini non fossimo persone… Ma perché prepararsi ad una guerra? Cerchiamo di costruire la pace!!
    Altro che produrre + armi come hanno prodotto + vaccini!
    Io mi sento in difficoltà. Cosa si può fare concretamente x opporsi alla guerra?

    • È incredibile come le persone continuino a riposare sonni tranquilli di fronte allo scenario che si sta chiaramente delineando. Sembrano tutti addormentati, e si incazzano se tenti di aprirgli gli occhi…chissà se i missili li sveglieranno! Non capisco come sia possibile! Vedono solo quello che i telegiornali vogliono fargli vedere… e non si chiedono mai, nessun perché, di fronte alle contraddizioni evidenti di tutte le balle che ci vengono raccontate.

  3. “…dobbiamo produrne di più come abbiamo fatto con i vaccini»

    E’ proprio qui il punto, con la pandemia hanno valutato fino a che punto il popolo europeo è manipolabile, ed ora con una guerra ben più che già programmata dalla Nato, sanno che possono fare ciò che vogliono, tanto le pecore resteranno in gran parte nel recinto ad aspettare di essere macellate.

    • Anche io ho notato il curioso fatto della successione storica pandemia – guerra: sembra molto strano che non sia una casualità … se prima non ci fosse stata la pandemia con i miliardi fatti girare senza controllo e la militarizzazione di massa la gente non avrebbe tollerato un atteggiamento razzista nei confronti del mondo slavo considerando ” inevitabile” la morte di decine di migliaia di innocenti cittadini, che adesso includono donne e bambini palestinesi! Siamo davvero per vedere il lato più mostruoso della civiltà occidentale?

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI