martedì 27 Febbraio 2024

Israele vuole incarcerare chi nega la narrazione ufficiale sugli attacchi del 7 ottobre

Domenica 4 febbraio, la Commissione Ministeriale per gli Affari Legislativi israeliana ha presentato un disegno di legge che punisce con la reclusione fino a cinque anni chi nega o minimizza la narrazione israeliana ufficiale del 7 ottobre. A comunicarlo, tra gli altri, è il Jerusalem Post, che in un articolo scrive che la proposta è stata avanzata assieme ad altri due emendamenti, che, secondo la sezione news di Walla, dovrebbero venire discussi per l’approvazione preliminare questo mercoledì. La proposta di punire coloro che si oppongono alla narrazione israeliana degli attacchi del 7 ottobre aleggiava già da qualche mese e si colloca all’interno di un contesto generale di repressione e censura di coloro che si esprimono contro lo Stato di Israele. Che tale emendamento venga o meno approvato, non si può in tal senso evitare di porre in discussione la narrazione dominante che vede in Tel Aviv “l’unica democrazia del Medio Oriente”: negli ultimi anni vi sono infatti state tante riforme, proposte, ma anche solo casi di mancato contrasto attraverso strumenti legali di fenomeni di soppressione delle libertà del popolo palestinese, che non possono che definirsi illiberali.

La proposta di legge non appare nella sezione delle notizie del Governo israeliano, né di quella della Knesset, il parlamento monocamerale di Tel Aviv, poiché deve ancora venire discussa, anche se dal sito di quest’ultima e dalle diverse notizie sparse per il web non è ancora chiaro esattamente quando. La notizia viene piuttosto comunicata da giornali tanto israeliani quanto arabi, che comunicano che la proposta, avanzata dal parlamentare Oded Forer, è stata discussa ed approvata assieme ad altri due emendamenti; essa sancisce che “la negazione del massacro è un tentativo di riscrivere la storia”, e pertanto “l’espressione di supporto per gli atti dei terroristi richiede speciali, serie e immediate attenzioni da parte dello Stato”, che si tradurrebbero nella reclusione fino a cinque anni. Assieme alla proposta di Forer sarebbe stata approvata anche quella di Almog Cohen, che prevederebbe la deportazione dei familiari dei “terroristi” affiliati ad Hamas che sapevano dell’attacco del 7 ottobre, misura che “con una visione lungimirante salverà la vita dei cittadini israeliani”.

Questi due emendamenti, se venissero approvati, non sarebbero i primi ad andare contro la percezione comune secondo la quale Israele rappresenterebbe l’unico avamposto democratico del Vicino Oriente. Sempre in materia di libertà di espressione, basti pensare alla definizione di “antisemitismo” promulgata dall’IHRA, l’Alleanza Internazionale per la Memoria dell’Olocausto, la quale è recentemente stata adottata in Italia dal comune di Brescia: nel documento figurano parecchie definizioni del concetto di antisemitismo a dir poco dubbie, come quella che chiama antisemita chiunque faccia “paragoni tra la politica israeliana contemporanea e quella dei Nazisti”. Questa voce, come tante altre, rientrano in quel processo di identificazione dello Stato di Israele con il popolo ebraico che viene portato avanti dall’ideologia del sionismo revisionista, di cui l’attuale Governo, in carica da quindici anni, è il più limpido esponente. Si noti in tal senso il progressivo processo di nazionalizzazione portato avanti da Netanyahu sin dalle piccole cose, che vanno dall’istituzione di nuove celebrazioni nazionali, alla nuova formula di giuramento diplomatico, fino alla repressione dei movimenti anti-Israele.

Eppure il processo di identificazione Israele = ebrei scalfisce solo la superficie della piega illiberale che Tel Aviv sta prendendo negli ultimi anni. In tal senso alcuni tra i casi più eclatanti sono certamente quelli che coinvolgono la negazione dei diritti dei palestinesi, a cui Israele ha imposto addirittura il controllo delle relazioni amorose, e il fervido contrasto contro tutti coloro che li sostengono. Senza necessariamente stare a guardare leggi e proposte di regolamentazione, basterebbe solo notare il silenzio nei confronti della violenza, denunciata dall’ONU, che i coloni cisgiordani muovono contro i cittadini palestinesi, o l’assente regolamentazione contro la distribuzione di armi in quegli stessi territori, dove Tel Aviv sta sostanzialmente conducendo una guerra non dichiarata. Le modalità illiberali e la guerra contro i palestinesi hanno anche toccato il settore dell’informazione, tanto che a inizio dicembre è stata presentata una mozione per chiudere tutte le operazioni del quotidiano Al Jazeera nel Paese, accusato di “incitare contro lo Stato di Israele”. Il trattamento che Tel Aviv riserva ai palestinesi sul proprio territorio, poi, ne è un’altra testimonianza: recentemente si è iniziato a discutere della possibilità di introdurre la pena di morte per i “terroristi”, mentre a gennaio è stato prolungata una misura temporanea che nega la possibilità di fare ricorso a un avvocato ai palestinesi imprigionati, misure che, messe insieme, potrebbero tradursi in una sostanziale condanna a morte senza processo. Proprio i palestinesi imprigionati, poi, vivono in condizioni di totale degrado sin dall’inizio della guerra, come dimostra la bolla del 18 ottobre con la quale si applicano “misure straordinarie” per far fronte al crescente numero di carcerati nelle prigioni israeliane, togliendo loro i letti e facendoli “dormire sul pavimento”.

La più limpida testimonianza dello stato di illiberalità in cui versa Israele è però quella relativa al tema della giustizia. In Europa siamo abituati a giudicare lo stato di evoluzione democratica delle istituzioni di un Paese guardando al suo sistema giuridico: numerosi sono gli Stati a cui l’Unione Europea ha tagliato i finanziamenti proprio perché dotati di un sistema giuridico visto come troppo poco indipendente; la narrazione comune gioca spesso con tali elementi, e mai sognerebbe di definire completamente liberale e democratico, per fare un esempio, uno Stato come l’Ungheria, che Wikipedia definisce “Stato autoritario”. Israele, però, non viene mai messo in discussione. Nonostante ciò, il 24 luglio 2023 è stata approvata la “bolla sulla ragionevolezza”, che nega agli organi giudiziari, “inclusa la Corte Suprema” di tenere udienza o aprire casi che mettano in discussione “il Governo, il Primo Ministro o un Ministro del Governo sulla ragionevolezza delle loro decisioni”. E con “‘decisione’ si intende qualsiasi decisione, incluse le nomine, o la decisione di astenersi dall’esercizio dell’autorità”. Il processo di identificazione Israele = ebrei, ha insomma compiuto un ultimo determinante passo: quello che ha sancito l’identificazione del Governo con lo Stato, tanto da rendere illegittima la contestazione della “ragionevolezza” delle sue scelte. E ai sensi della definizione di antisemitismo dell’IHRA, questo significa solo una cosa: che dire qualcosa di contrario al Governo di Tel Aviv, significa perpetrare atti della più deprecabile forma di razzismo che l’Occidente abbia mai conosciuto, cosa decisamente poco democratica.

[di Dario Lucisano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

7 Commenti

  1. Mi chiedo perché nessuno approfondisce mai la storia, ma spara giudizi del momento in base ah!!!! Israele è uno stato, gli ebrei sono un popolo di perseguitati da secoli oggi stanno difendendo il loro diritto alla sopravvivenza, il modo in cui lo fanno e discutibile, ma dopo tutto quello che hanno subito vorrei vedere chiunque di chi spara giudizi, a trovarsi nelle stesse condizioni se non farebbe qualunque cosa per difendersi.

    • Proprio basandosi sulla storia (recente), la necessità di difendersi trova fondamento più o meno fino alla fine del secolo scorso, dagli anni 2000 (casualmente con l’avvento di Bibi al governo, oggi peggio che mai con suoi alleati ultraortodossi) la “difesa” di Israele si è trasformato in mille forme nel tentativo di annientare/scacciare i palestinesi dalla loro terra, quantomeno in tutto il territorio fra il Libano e l’Egitto.
      Nessuno nega (e ci mancherebbe!!) la Shoa, l’Olocausto, le persecuzioni ed i milioni di morti ebrei subiti a causa del nazismo, ma ciò non può giustificare quanto sta accadendo in questi mesi, e nemmeno quanto compiuto dagli israeliani negli ultimi vent’anni.
      C’è stata sicuramente un periodo (indicativamente dal 1948 a fine secolo) durante il quale diversi stati arabi hanno cercato (con scarso successo, in pratica han perso tre guerre su tre!!) di contrastare il diritto di Israele ad esistere, ed in questi 60 anni ci sono state “porcate” (perdona la sintesi) da ambo le parti, ma proprio da quando si è alleggerita la posizione di Egitto, Giordania ed altri governi arabi, con il riconoscimento formale dello stato di Israele, si è impennata la persecuzione in mille forme di questi ultimi sulla popolazione palestinese che, non dimentichiamolo, tra l’altro rappresentava la netta maggioranza in quei territori fino al 1948.
      Il brutale e feroce attacco di Hamas del 7 ottobre (senza dimenticare che i primi governi Netanyahu finanziarono proprio Hamas per indebolire i più moderati ANP/OLP, e quindi avere un nemico “più cattivo” da combattere), indipendentemente o meno dal voler credere che i servizi israeliani non ne sapessero nulla (lasciamo stare ciò che non si può provare), non può essere la giustificazione per sterminare una popolazione “indigena”, peraltro con una serie ripetuta e marcata di vergognose violazioni del diritto internazionale.
      E cmq l’articolo pone l’accento su un altro tema: i provvedimenti anti-dissenso descritti possono dirsi caratterizzanti di un governo democratico?

      • Complimenti per la sintesi! E per la pazienza!
        Quante volte ancora bisognerà spiegare e rispiegare…? Ancora e ancora a “bambini dell’asilo”, magari in giacca e cravatta, in tv, parlamenti e commenti vari che non ce la fanno proprio…
        Ma allora gli indiani delle Americhe cosa dovrebbero fare? Andare in giro con le cinture imbottite d’esplosivo, mitra e bombe a mano, perché: “con quello che hanno subito”…
        Parlare di Agenda dell’Elite, con stratagemmi programmati da mo’, stile 11 settembre poi… figurati.

  2. Dalla pagina Wikipedia di Orbán citata nell’articolo:

    “La politica interna basata sulla retorica populista attuata da Orbán ha causato un processo di arresto ed arretramento della democrazia in Ungheria, FACENDOLA MUOVERE VERSO una forma di Stato autoritario”

    Per me la frase non significa che Wikipedia consideri l’Ungheria uno Stato autoritario, mi sembra un’uscita un po’ sensazionalista

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI