mercoledì 24 Aprile 2024

Quattro giorni di azioni contro l’industria del cemento hanno bloccato la Francia

Quattro giornate di azioni contro l’industria del cemento hanno attraversato e bloccato la Francia nei giorni scorsi, con oltre 40 azioni promosse da quasi 200 organizzazioni ambientaliste e sociale, gruppi di agricoltori, sezioni sindacali e comitati locali del movimento “Soulevèment de la Terre”. Le azioni hanno colpito in tutta la Francia, rispondendo all’appello ad “occupare, bloccare, disarmare il mondo del cemento” lanciato dal 9 al 12 dicembre, in occasione del primo anniversario di un’azione contro la Lafarge-Holcim a Marsiglia, quando lo scorso 10 dicembre, 200 persone fecero irruzione nella fabbrica di cemento di Bouc-Bel-Air, uno dei cinquanta siti industriali più inquinanti del Paese, per chiuderla. Una trentina di persone furono fermate e indagate dalla direzione antiterrorismo in relazione a questa azione.

“Queste e altre giornate di azione di dicembre sono un gesto di sostegno di fronte alla criminalizzazione del movimento ambientalista. Vogliono dimostrare che è possibile e necessario continuare a denunciare con azioni concrete i crimini ambientali, sociali e neocoloniali della multinazionale Lafarge-Holcim e bloccare il sodalizio criminale che ora forma con il governo francese,” scrivono gli attivisti nell’appello alla mobilitazione.
La multinazionale di materiali da costruzione Lafarge-Holcim – con oltre 150 impianti di calcestruzzo solo in Francia – é accusata di essere tra i principali responsabili di molte opere di cementificazione e distruzione di aree naturali nel Paese transalpino, opere costruite costringendo la popolazione locale a convivere con opere indesiderate e impattanti o alle volte sfollate per fare posto al cemento.

La produzione di cemento richiede il riscaldamento di calcare, argilla e sabbia a 1.500°C, un processo estremamente inquinante perché prevede l’estrazione di questi materiali da enormi cave che distruggono la biodiversità e la terra. Riscaldare a 1.500°C richiede un’enorme quantità di energia, con processi di combustione che rilasciano grandi quantità di CO2 e zolfo nell’atmosfera. La produzione di cemento e calcestruzzo è infatti responsabile dell’8% delle emissioni globali di CO2, più del trasporto aereo e marittimo messi insieme. Lafarge utilizza gli pneumatici come fonte di energia per la combustione e un impianto come quello di Bouc-Bel-Air brucia da 4.000 a 6.000 pneumatici ogni giorno.

Secondo i gruppi che hanno chiamato all’azione, la produzione di cemento distrugge l’ambiente di vita delle popolazioni locali, la terra e l’acqua, e per questo va combattuto e ostacolato. “Di fronte alla galoppante artificializzazione del territorio e all’impatto critico di queste industrie sul riscaldamento globale, questo fine settimana, in Francia, prendere di mira i siti di cemento e asfalto ha assunto l’aria di un salutare evento sportivo”, scrivono gli attivisti.

A Forez, Strasburgo, Belfort, Le Teil, Parigi e Anjou, folle di persone di tutte le età si sono radunate davanti ai cancelli, bloccandoli con grandi pietre, costruendo muri di terra e paglia o scalando i silos. A Lione, durante la Fête des Lumières, una scritta “Lafarge + Daesh = cuore” ha illuminato i ponti. Lafarge é infatti anche sotto inchiesta, sospettata di aver finanziato diverse organizzazioni terroristiche – tra cui lo Stato Islamico – tra il 2011 e il 2015, al solo scopo di mantenere in funzione una fabbrica in Siria. Sabato, la lotta contro l’A69 è riuscita a mobilitare nuovamente quasi 2.000 persone, che hanno fatto irruzione e smontato il cantiere di un futuro impianto di bitume destinato ai lavori autostradali, prima di annunciare la nascita di un collettivo di agricoltori contro gli impianti. Nel frattempo, altre decine di persone, indossando maschere di animali, hanno abbattuto la facciata di un sito Lafarge nel centro di Parigi e l’hanno occupata. A Ginevra, una grande squadra si è recata alla Holcim e ha verniciato di rosa i camion e gli uffici. A Marsiglia, un gruppo organizzato ha fatto il bagno nelle cave del sito di Bouc Bel Air per celebrare l’anniversario e denunciare il modo in cui il sito monopolizza l’acqua. A Doulon (Nantes) un’impalcatura costruita dalla ZAD di Notre-dame-des-Landes è stata portata dai trattori sui terreni minacciati dalla cementificazione. A Sainte-Cécile, in Borgogna, è stata organizzata un’allegorica marcia funebre per seppellire il progetto di ampliamento di una cava. Sempre a Nantes, lunedì mattina, più di 150 persone, tra cui molti agricoltori e 7 dei loro trattori, si sono riunite per bloccare un cantiere della Lafarge a Janvraie con una partita di beach volley: un’azione colpita dalla repressione, con il fermo di 30 persone e il sequestro di tre trattori. In Bretagna, a Saint Egrève, a Bouguenais, e in Svizzera, gli impianti di cemento sono stati visitati di notte, imbrattati o sabotati con schiuma espandente, piccole manomissioni o sabbia nelle vasche. Possiamo citare il comunicato stampa del Corseul: “Ci siamo introdotti nella centrale elettrica e abbiamo rosicchiato alcuni cavi (…). Questo atto è soprattutto un atto di autodifesa contro un nemico comune, Lafarge-Holcim”. Anche a Overisje, i veicoli sono stati dolosamente bloccati con l’aggiunta di liquidi nei loro serbatoi.

“Con una sola voce, vogliamo lanciare un messaggio chiaro: il regno di Lafarge-Holcim e degli altri conglomerati di cemento non è più inevitabile. I loro abusi devono cessare, affinché l’intossicazione di questo mondo possa cessare. I governi attuali devono finalmente smettere di coprirli. Altri modi di costruire e abitare il mondo sono possibili,” concludono gli attivisti dopo le quattro giornate. Intanto, i Soulevément de la Terre hano già chiamato a un’altra settimana di mobilitazione in difesa dell’acqua e contro i progetti dei mega-bacini idrici da 14 al 21 luglio.

[di Monica Cillerai]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

2 Commenti

  1. E’ importante constatare come in Francia la popolazione applichi nella pratica concetti sviluppati teoricamente. A proposito del cemento infatti era stato pubblicato in Francia nel 2020 il saggio di Anselm Jappe: “Beton, arme de construction massive du capitalisme” . Nel 2022 lo stesso volume e’ stato pubblicato in Italia col titolo:”Cemento arma di costruzione di massa”. Nel saggio si mostra appunto come l’uso del cemento a partire dai primi del Novecento ha modificato in peggio la stabilita’ delle costruzioni allo stesso momento che provocava e provoca danni profondi all’ambiente naturale.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI