domenica 16 Giugno 2024

Babbo Natale sopra al carro armato: a Modena proteste contro l’istallazione militarista

Dopo le gite per le scolaresche dentro le basi NATO, ripetute più volte negli ultimi mesi coinvolgendo anche i bambini delle elementari, e dopo gli zainetti per le scuole primarie griffati dall’Esercito Italiano che avevano fatto discutere a settembre scorso, arriva un’altra operazione accusata di voler militarizzare l’immaginario dei bambini. Questa volta a Modena, dove in una delle piazze del centro cittadino è comparsa una controversa istallazione con un Babbo Natale seduto sopra un carro armato militare. L’istallazione ha provocato numerose polemiche, due cortei di protesta e il fermo di un attivista che ha cercato di rompere il cannone del tank. A nulla sono valse le tentate giustificazioni della giunta cittadina (guidata dal PD) che ha parlato di un’opera che “invita a riflettere”, con alcuni manifestanti che hanno giurato che il carro verrà abbattuto nottetempo.

Il “carro a/mato” (con la r barrata) guidato da Santa Claus, su cui i cittadini modenesi si imbattono in Piazza XX settembre, è opera dell’artista Lorenzo Lunati. Sebbene l’intento del creatore fosse, stando almeno a quanto dallo stesso dichiarato, pacifico – fulcro dell’installazione è un cannone mobile che, nel momento in cui viene inserita una moneta, spara cuori -, il risultato non sembra essere stato abbracciato con favore dalla società civile. Roventi critiche sono state infatti sollevate da una consistente fetta della cittadinanza, che considera l’opera estremamente irrispettosa, specie per i tempi che corrono (tanto più che, dietro Babbo Natale, spuntano pacchi regalo con le bandiere di Paesi in guerra). Per quanto riguarda lo spaccato politico locale, è un fatto che l’indignazione per l’opera abbia accomunato forze politiche agli antipodi, come Rifondazione Comunista e Fratelli d’Italia. RC, che a braccetto con il movimento civico Modena Volta Pagina e Unione Popolare ha organizzato un flash mob nella piazza in cui sorge l’installazione, ha lamentato che, sebbene “l’arte moderna usi spesso la provocazione”, l’opera in questione “sembra un tributo a uno strumento di guerra e morte quale è un carro armato”. Molti dei manifestanti, parlando di un’installazione «oscena e fuori luogo», si sono imbavagliati in piazza per protesta. Il presidente provinciale di Fratelli d’Italia, Ferdinando Pulitanò, ha parlato di una scelta «davvero infelice», in particolare «in un momento come quello che il nostro mondo sta vivendo, con l’Ucraina e il Medio Oriente trasformati in campi di guerra e devastazione». Anche da destra, infatti, si è manifestato contro l’opera: a guidare un secondo flash mob è stata la lista “Noi per Modena”. In questo quadro, non sono mancate le tensioni. Dapprima un uomo, che ha affermato che l’installazione è «ambigua per i bambini», ha rovinato la bocca del cannone infilandoci dentro una mano, finendo identificato dalla Digos e portato in Questura per accertamenti. Un altro, di origine straniera, ha cercato di strappare la bandiera di Israele posta dietro il carro urlando «gli ebrei sono nostri fratelli, ma gli israeliani uccidono i bambini».

Durante l’inaugurazione dell’opera, Lunati ha dichiarato che l’opera è un «manifesto pacifico», portandosi dietro l’idea che «Babbo Natale possa arrivare in tutti questi Paesi in guerra con il carro a/mato, che da strumento di guerra si trasforma in strumento di speranza, portando il regalo più bello, la pace». Ad ogni modo, l’artista non è nuovo ad essere al centro delle polemiche. Nel 2021, per esempio, a fare il giro d’Italia fu il suo Babbo Natale danzatore in tutù, munito di schiuma sotto le ascelle per radersi i peli. Un’opera criticata da molti perché considerata mezzo di promozione dell’ideologia gender.

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI