lunedì 4 Marzo 2024

Australia, attivisti bloccano il più grande porto di carbone del Paese: oltre 100 arresti

In Australia 109 attivisti sono stati arrestati per aver bloccato nel weekend il porto di Newcastle, il più grande terminal di esportazione di carbone del Paese. Alla protesta, organizzata da Rising Tide, avevano partecipato in tutto oltre 3 mila persone: con le autorità era stato concordato un blocco di 30 ore, ma oltre un centinaio di persone (tra le quali alcuni minorenni ed un uomo di 97 anni) si sono fermate oltre il tempo stabilito, prolungando il blocco per diverse ore. Con questa protesta, portata a termine a pochi giorni dall’inizio della COP28, l’organizzazione ritiene di aver bloccato l’esportazione di oltre mezzo milione di tonnellate di carbone.

Ultime notizie

L’Italia va alla guerra “difensiva” contro gli Houthi: la missione sarà votata in Parlamento

Domani in Parlamento, tanto nell'aula del Senato quanto in quella della Camera, verrà votata l'approvazione della missione europea Aspides...

Il Parlamento Europeo dà via libera definitivo all’identità digitale

Con 335 voti favorevoli e 190 contrari, il Parlamento europeo ha approvato il regolamento per l’EU Digital Identity Wallets,...

Il debito pubblico dell’Italia è in discesa e sta tornando in possesso delle famiglie

Dall’Istat arrivano dati inaspettati e in un certo senso sorprendenti per l’economia italiana: a dispetto di una narrazione martellante...

Il Pentagono ha trasformato il Medio Oriente in un poligono per armi assistite dall’IA

La direttrice tecnologica (CTO) del Comando Centrale statunitense (CENTCOM), Schuyler Moore, ha annunciato, non senza un certo candore, che...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI