venerdì 1 Dicembre 2023

Un colosso dell’agroindustria ha comprato il 25% del quotidiano La Verità

Con un versamento da 2,5 milioni di euro l’imprenditore Federico Vecchioni, amministratore delegato dalla B.F. Spa, ha rilevato il 25% delle azioni della Società Editrice Italiana, il gruppo che pubblica il quotidiano La Verità e il settimanale Panorama. A darne notizia è stata Primaonline, testata specializzata nel dietro le quinte dei media italiani. B.F. Spa è uno dei colossi dell’agrobusiness italiano (il maggiore per superficie agricola utilizzata, specifica sul proprio sito), e tra i suoi azionisti figurano anche la multinazionale petrolifera ENI, l’azienda farmaceutica Dompé e la banca Intesa Sanpaolo. Giganti economici che entreranno quindi nella proprietà del quotidiano che – nella sua testata – continua a proclamarsi “indipendente”.

Sbirciando sul sito di B.F. Spa, ad esempio, si scopre facilmente che la relazione con ENI non si limita ad una semplice partecipazione della multinazionale fossile nel capitale sociale, ma è diventata una partnership industriale che vede le due aziende collaborare per la destinazione di campi agricoli alla produzione di biocarburante. Un fattore che non potrà che rendere più stingenti i legami – già evidenti e in odor di conflitto d’interessi – del quotidiano fondato da Belpietro e la multinazionale del cane a sei zampe.

L’ingresso di Vecchioni nel gruppo de La Verità rappresenta anche una notizia “politica” negli ambienti di centro-destra. Fino a poche settimane fa, infatti, sembrava che ad entrare nella società editrice sarebbe stato Antonio Angelucci, imprenditore della sanità privata e parlamentare della Lega, già proprietario degli altri due quotidiani di area come Libero e Il Giornale. Il fatto che alla fine l’abbia spuntata Federico Vecchioni, invece, viene interpretato come un fatto ben visto da Fratelli d’Italia, che confida ora di portare il quotidiano più vicino alle proprie istanze, dato che il partito di Giorgia Meloni, grazie alle rinomate entrate in Coldiretti, è molto vicino al mondo delle grandi imprese agricole.

Secondo quanto riportato da Primaonline, la B.F. Spa di Federico Vecchioni avrebbe rilevato un quarto delle azioni della Società Editrice Italiana, divenendo il secondo azionista del gruppo editoriale, dietro allo stesso Maurizio Belpietro (che continuerà a detenere il 58,5% delle azioni), e davanti agli altri soci di minoranza Nicola Benedetto (12,7%) e Mario Giordano (3,7%).

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

4 Commenti

  1. Come non fidarsi anche de il FQ.
    ‼️🇮🇹🇺🇦 UCRAINA, PERCHÉ IL PROPAGANDISTA PRO-NATO DAVID ROSSI STA SCRIVENDO PER “IL FATTO QUOTIDIANO”?
    Il FQ è stato l’unico giornale mainstream che ha tentato di combattere la propaganda ridicola pro-NATO che hanno fatto abbattere sul nostro Paese. Purtroppo da qualche mese a questa parte un certo Rossi sta pubblicando sul FQ i suoi risibili articoli pieni di fake news e propaganda:

    ▪️Nonostante sia stata già smentita quasi 2 anni fa, ha rilanciato la fake dei “forni crematori” mobili con cui la Russia starebbe riducendo “in cenere quanti più caduti possibile”, per coprire le proprie perdite
    ▪️Prende per buoni i numeri diffusi da Kiev: dice che i morti russi sono 3 volte quelli ucraini, nonostante abbiano 10 volte più potenza di fuoco d’artiglieria.

    📣Se volete protestare, questa è la mail pubblica di Gomez petergomez@ilfattoquotidiano.com

    ℹ️ Leggere questo articolo su L’Antidiplomatico per approfondire

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI