mercoledì 24 Luglio 2024

Israele: i giovani rifiutano la leva contro il governo e l’oppressione dei palestinesi

In Israele un gruppo composto da più di duecento studenti riunitosi presso la scuola superiore Herzliya Hebrew Gymnasium, nel centro di Tel Aviv, ha dichiarato pubblicamente che, in segno di protesta contro le recenti riforme giudiziarie proposte dal Governo e la continua oppressione ai danni dei cittadini palestinesi, non presterà servizio nell’esercito. «Diciamo no alla dittatura in Israele e nei Territori palestinesi occupati. Ci rifiutiamo di arruolarci nell’esercito finché la democrazia non sarà assicurata a tutti coloro che vivono sotto la giurisdizione del governo israeliano» hanno congiuntamente dichiarato i ‘Giovani Contro la Dittatura’ – come si fanno chiamare i 230 studenti che hanno aderito al boicottaggio.

Questi, sostenuti perfino da alcuni politici, ritengono che quello che il ministro – e leader di una formazione considerata di estrema destra sionista – Benjamin Netanyahu sta tentando di portare a termine è un vero e proprio colpo di stato, volto a rafforzare il potere del Parlamento e indebolire quello della magistratura.

Infatti la riforma della Giustizia, presentata dal ministro (della Giustizia) Yariv Levin, ha come obiettivo quello di rafforzare l’autorità dell’esecutivo – una parte del testo, prevede, ad esempio, che a dichiarare decaduto il Primo ministro, a seguito di una condanna, potrà essere solo il governo, mentre il Parlamento dovrà limitarsi a ratificare la decisione. Ma, per riuscire nel suo intento, il pilastro che Netanyahu dovrà demolire sarà quello che regge il potere della Corte Suprema, il vertice del sistema giudiziario israeliano. In parte, in realtà, ci è già riuscito.

Lo scorso luglio il Parlamento ha approvato la prima parte della riforma, quella cioè che toglie alla Corte la possibilità di bloccare (e in certi casi abolire) i provvedimenti approvati dal governo giudicati ‘irragionevoli’ – un principio riconosciuto dalla legge. Si tratta, a parere degli esperti, di un grave attacco alla democrazia: l’istituzione ha un ruolo molto importante perché serve a controbilanciare il potere del governo che – oltre alla Corte – ha pochi contrappesi. Essa, negli anni, ha assunto il ruolo di principale organo di controllo del potere dell’esecutivo con una serie di sentenze che le hanno dato il potere di abolire qualunque legge approvata dalla Knesset. E, oltre a impedire alle normative contrarie alle Leggi fondamentali di entrare nell’ordinamento, come fa per esempio la Corte costituzionale italiana, ha avuto fino ad ora un potere molto ampio di revisione della legislazione, secondo precisi criteri.

Con la riforma giudiziaria, contestata dalla maggioranza dei cittadini israeliani, invece, una proposta di legge giudicata non conforme alle Leggi fondamentali dalla Corte, deve essere rinviata dai giudici alla Knesset e, se i deputati la rivotassero a maggioranza semplice, supererebbe ogni opposizione della Corte, depotenziandola.

Inoltre, la riforma, se approvata nella sua interezza, comporterebbe anche una modifica nella composizione della Commissione che elegge i giudici, sia quelli della Corte sia quelli “inferiori”. Attualmente, la Commissione è composta da nove membri: tre giudici della Corte suprema stessa, due rappresentanti dell’associazione forense israeliana, due membri del parlamento e due ministri del governo. Già ora, dunque, sono presenti quattro membri di nomina governativa che influenzano il potere giudiziario. Ma l’esecutivo vorrebbe addirittura portare i membri della Commissione a undici, di cui ben nove scelti dal governo, ottenendo così un forte potere d’indirizzo sulla componente giudiziaria e facendo di fatto cadere la separazione tra i poteri, principio cardine dei sistemi che si definiscono democratici.

Ma, eliminando l’indipendenza dei giudici, si favorirebbe la corruzione e si priverebbe la Corte israeliana di credibilità, mettendo a rischio i diritti delle minoranze, tra cui gli arabo-israeliani e i palestinesi. L’attuale formazione di governo, tra l’altro, è già caratterizzata da una forte componente religiosa ed estremista sionista che distingue i propri cittadini su base etnica e religiosa. È anche per protestare contro tale discriminazione che gli studenti hanno rifiutato l’arruolamento obbligatorio, previsto in Israele per tutti gli uomini e le donne che abbiano compiuto diciotto anni – ad eccezione, per esempio, degli israeliani ultraortodossi.

Ci opponiamo al regime «più estremista della storia israeliana», hanno concluso.

[di Gloria Ferrari]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

1 commento

  1. Purtroppo non viviamo un mondo democratico, ma un mondo rovinato dagli assassini: Gandhi, Kennedy, Rabin, Moro etc. Per qualche motivo gli assassini di destra e degli apparati statali deviati hanno preso il dominio del mondo, mentre quelli che ragionano e di idee di apertura sociale vengono facilmente uccisi e questo oggi: Ricordate quando la Clinton lo disse a Obama che rischiava d’essere ucciso e lui la fece subito Segretario di Stato, salvandosi?
    Così non faccio colpe ad Israele ed il suo popolo, sono anche loro vittime di una storia fatta dall’assassinio di Rabin come esempio per spaventare tutti gli altri: Da allora al Governo solo la destra più crudele non viene assassinata.
    Ora però anche gli assassini cominceranno a pagare perché la legge ha i suoi meccanismi: Avete assassinato chi avete voluto, ma ora state provando a snaturare la legge e morirete!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI