lunedì 4 Marzo 2024

La Svizzera ha approvato la tassa minima per le multinazionali

In Svizzera verrà introdotta la tassa minima globale al 15% per le multinazionali. Lo ha deciso il popolo elvetico, votando in modo compatto all’apposito referendum: il sì alla misura ha raccolto il 78,45% delle preferenze. La Svizzera si allinea così al progetto lanciato due anni fa dal G20 e dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), a cui hanno aderito decine di Stati, compresi i 27 dell’UE. I cittadini elvetici sono però i primi al mondo a esprimersi in modo diretto, e dunque attraverso un referendum, sul nuovo regime fiscale che dovrebbe entrare in vigore il primo gennaio 2024. Saranno coinvolte le multinazionali con un fatturato superiore a 750 milioni di euro; si tratta, secondo le stime delle autorità svizzere, di circa 2000 imprese.

Il progetto della tassa minima è stato lanciato per raggiungere la giustizia fiscale a livello globale. L’aliquota del 15% va considerata come un punto d’inizio, visti i bassi livelli di tassazione alle multinazionali vigenti in decine di Paesi. Diversi cantoni svizzeri sono protagonisti in tal senso: Nidvaldo e Zugo applicano aliquote d’imposta rispettivamente al 9,41% e al 9,55%. La media del Paese elvetico si attesta al 13,5%, un punto percentuale e mezzo inferiore al minimo previsto dall’OCSE. Le autorità svizzere prevedono che le entrate derivanti dall’introduzione dell’aliquota al 15% saranno comprese tra 1 e 2,5 miliardi di franchi. Il 75% dei nuovi fondi finirà nelle casse dei cantoni, mentre il restante 25% rimpolperà il bilancio della confederazione. Una scelta criticata dal partito socialista (PS), che ha invitato i propri elettori a votare “no” al referendum. Secondo il PS, la riforma così formulata aumenterà la concorrenza fiscale tra cantoni. Il governo e gli altri partiti hanno difeso la misura, dichiarando che gli Stati della confederazione finanziariamente deboli beneficeranno delle entrate grazie al sistema di perequazione, dunque il trasferimento di risorse tra cantoni.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

1 commento

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI