giovedì 30 Novembre 2023

USA: via libera alla sperimentazione dell’MDMA per la cura della schizofrenia

La Food and Drug Administration (FDA), l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, ha approvato l’uso della 3,4-metilendiossimetamfetamina – meglio conosciuta come MDMA – in un piccolo studio clinico sperimentale condotto dall’Università della California su pazienti con schizofrenia. Si tratta di un disturbo che, come spiega l’Istituto Superiore di Sanità, si manifesta con deliri e allucinazioni, ma anche con un appiattimento affettivo, ritiro sociale e anedonia – l’incapacità, totale o parziale, di provare soddisfazione, appagamento o interesse per le consuete attività piacevoli. Tutti sintomi che esprimono l’assenza o la riduzione di un aspetto del funzionamento mentale. A tal proposito, secondo la ricerca, le peculiarità dell’MDMA, sostanza nota per i suoi effetti pro-sociali dovuti probabilmente alla sua relazione con l’ossitocina, un ormone che sostanzialmente migliora l’umore, potrebbero apportare significativi risultati nella gestione e riduzione del disturbo. Gli esperti coinvolti nell’esperimento prevedono di somministrare ai partecipanti 3 dosi separate di 40 mg, 80 mg e 120 mg, valutando – tramite la scala di PANSS, che misura la schizofrenia – e annotando poi i sintomi psicotici dopo 24 ore dalla somministrazione.

L’Istituto Superiore di Sanità spiega che solitamente la malattia si manifesta tra i 18 e i 28 anni e che l’esordio può avvenire anche all’improvviso, o può essere preceduto da un periodo in cui la persona si chiude in se stessa, appare sempre meno interessata al mondo circostante, lascia senza motivo amici e relazioni sentimentali, perde il lavoro o interrompe la scuola. Sulle cause, invece, c’è ancora molta incertezza. La maggior parte degli esperti ritiene che la schizofrenia non abbia una causa unica, ma che dipenda da molti fattori. “In particolare si pensa a una componente genetica, ma anche a traumi al momento del parto che possono creare nel soggetto una sorta di predisposizione a sviluppare la malattia se nell’arco della vita viene sottoposto a particolari situazioni di stress”. Nel mondo ne soffrono circa 24 milioni di persone, su diversi livelli. E il fatto che non sia ancora chiaro cosa possa scatenare la manifestazione del disturbo e come – e se – questo possa essere curato, spinge la ricerca a muoversi su più fronti, nel tentativo di trovare una soluzione.

In generale, l’interesse per sostanze psichedeliche – come la psilocibina, la ketamina e l’MDMA – nel trattamento di disturbi psichici è in forte aumento, soprattutto nei casi di disturbo da stress post-traumatico, disturbo depressivo maggiore e, appunto, la schizofrenia.

Già nel 2021, uno studio clinico condotto dalla Multidisciplinary Association for Psychedelic Studies, un’organizzazione no-profit americana che lavora per aumentare la consapevolezza e la comprensione delle sostanze psichedeliche, aveva dimostrato che i partecipanti con disturbo da stress post-traumatico che avevano ricevuto sia il trattamento con MDMA che sedute di psicoterapia avevano il doppio delle probabilità di riprendersi rispetto a quelli che invece aveva ricevuto un placebo – sostanza con lo stesso aspetto del farmaco, che però non contiene principi attivi – e le sessioni di psicoterapia.

[di Gloria Ferrari]

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Mi chiedo se tra i 24 milioni di pazienti ci siano anche Cinesi ed Indiani o solamente Nordamericani ed Europei… e poi si sa che ormai la FDA approva di tutto, anche la curcuma. Per non parlare dell’ ISS dopo l’anno del Signore 2020.

    • E’ un osservazione interessante e valevole di approfondimento la tua, ma credo che il discorso risulti un po’ più articolato. Presi singolarmente e decontestualizzati, i sintomi di qualsiasi disturbo psichico sono manifestazioni naturalmente umane, che di per loro non hanno nessun legame consequenziale con la malattia ma sono sacrosante nostre manifestazioni. Il problema sorge quando determinati sintomi e comportamenti risultano patologici e DEBILITANTI, cioè intaccano la qualità della vita. Qui si da per scontato che nella schizofrenia le manifestazioni di anedonia provochino al soggetto interessato dei danni alla qualità della vita dell’interessato. Sono d’accordo sul fatto che di per sè provare anedonia non è motivo sufficiente per parlare di malattia, ma è totalmente plausibile parlarne come un sintomo che va tenuto sott’occhio, d’altronde risiede nella nostra umanità il bisogno di cibo, sesso, relazioni sociali e credo sia quindi plausibile che queste mancanze possano portare il soggetto a vivere una vita condizionata negativamente da questo.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI