mercoledì 24 Luglio 2024

Ricerca italiana: chi ha avuto il Covid è ancora immunizzato, “vaccinarli è stato un errore”

Le difese naturali di chi ha avuto il Covid-19 si dimostrano ancora pronte a rifronteggiare il virus a due anni di distanza dall’infezione. A provarlo è lo studio condotto dai ricercatori dell’Ospedale di Legnano e pubblicato – dopo essere stato sottoposto a revisione paritaria – sulla rivista scientifica Plos One. Il gruppo di ricercatori è stato guidato da Antonino Mazzone, a capo del Dipartimento di Area medica dell’ASST Ovest Milanese. Quest’ultimo ha dichiarato: «Non c’era nessun lavoro di medicina basata sull’evidenza a dimostrare che vaccinare i guariti dall’infezione avrebbe prodotto loro dei benefici. Nonostante questo, andando persino contro i principi di Galileo, la politica adottò contro la scienza la vaccinazione di tutti». Dallo studio emerge che la protezione dei guariti arriva dagli anticorpi, ma soprattutto da cellule T della memoria: “soldati” del sistema immunitario che anche a lungo termine riescono a riconoscere Sars-CoV-2, guidando e mantenendo una risposta antivirale “senza differenze significative” rispetto ai vaccinati.

La ricerca del gruppo di Mazzone, primi firmatari Arianna Gatti e Gaetano Zizzo, ha coinvolto 22 convalescenti tardivi (persone non vaccinate guarite da un’infezione documentata fino a 2 anni prima) e 13 asintomatici completamente vaccinati da almeno 4 mesi. Dall’indagine risulta che i non vaccinati e i vaccinati hanno la stessa risposta immunitaria. I tassi di reattività delle cellule T e di positività anticorpale non differiscono significativamente da quelli osservati nei vaccinati, confermando e ampliando evidenze recenti secondo cui le “risposte delle cellule T” sono “altrettanto elevate a seguito di infezione o vaccinazione”. Per questo motivo «bisognava aspettare a vaccinare chi aveva già avuto l’infezione», ha dichiarato Mazzone, che ha aggiunto: «la lezione per il futuro è che la vaccinazione va mirata. Primum non nocere». I risultati della ricerca potrebbero aprire una nuova stagione di studi in grado di influenzare il corso della giustizia e dunque dei processi relativi alla discriminazione di chi ha scelto di non rispettare l’obbligo vaccinale.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Non mi sono vaccinato, ho avuto il Covid a Luglio 2022 mentre ero in Spagna, passato praticamente da solo in 48 ore anche se sono rimasto positivo per 8 giorni,dopo 48 ore non avevo nessun sintomo. Ad Aprile 2023 mia sorella ha avuto il Covid, è venuta a casa mia dopo che gli era appena passata la febbre ma ancora con tosse persistente siamo stati vicini per almeno 1 ora non solo NON ho avuto nessun sintomo ma 2 giorni dopo ho fatto il tampone.NEGATIVO!

  2. Sono convinto l’immunizzazione da infezione+guarigione sia migliore e più duratura di quella indotta dai vaccini, anche perché quest’ultima è risultata pressoché nulla, xò mi chiedo come si colloca l’articolo rispetto a coloro che il COVID l’hanno contratto due o più volte: colpa di varianti troppo diverse fra loro ?

  3. Grazie S.T.
    Articolo importante che dà prova ulteriore sul significato e la funzione del nostro sistema immunitario che lavora autonomamente anche senza aver elargito contributi alle case farmaceutiche. Il fatto surreale (anche se molto reale) è che in barba alle conoscenze scientifiche, i virologi da seratina TV abbiano continuato la narrazione sulla necessità di vaccinare morti e feriti (leggi fragili e giovani) seguendo la pressione dell’interesse commerciale e di una banda di politici inetti e conniventi. Aggiungo: politici che la stanno facendo franca.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI