martedì 27 Febbraio 2024

Lutto nazionale e Parlamento sospeso: Berlusconi paralizza l’Italia anche da morto

Il “Re” è morto. E quindi, tutto si ferma, come mai era successo nella storia recente del nostro Paese. In questi giorni, nello stivale, non si respira l’aria di uno Stato repubblicano, ma una sorta di ritorno all’ancien régime. Da lunedì mattina, nei giornali e nelle televisioni continua la beatificazione in pompa magna e a reti unificate di Silvio Berlusconi, che oggi vedrà il suo apice ai funerali di Stato al Duomo di Milano, per i quali sono attese circa 10mila persone. Eppure, nonostante la narcotizzazione politico-mediatica di queste ore, culminata con la scelta del governo di indire il lutto nazionale e delle capigruppo di bloccare i lavori parlamentari, rispetto agli eccessi del cerimoniale berlusconiano si è scatenato il forte dissenso da parte di associazioni e importanti personaggi della cultura.

Dopo la morte di Berlusconi, le conferenze dei capigruppo dei due rami del Parlamento hanno fermato le attività, stoppando i voti alla Camera e i lavori in aula al Senato. Nessuna obiezione è stata sollevata, nemmeno dai partiti di opposizione. Le votazioni alla Camera sono state quindi posticipate alla prossima settimana: L’Aula è riconvocata domani con la discussione generale sulle pensioni minime, mentre venerdì alle 9.30 avranno luogo le interpellanze urgenti. Al Senato, invece, è tutto fermo: tornerà a riunirsi solo dopo il weekend. I lavori delle commissioni, che ieri non hanno avuto luogo (la maggior parte non ce l’avrà nemmeno oggi) riprenderanno regolarmente domani. Il Presidente Ignazio La Russa ha già annunciato che il 20 giugno il Senato celebrerà la memoria di Berlusconi.

Il lutto nazionale viene ufficialmente indetto dal cerimoniale di Stato, gestito dall’ufficio della Presidenza del Consiglio, in base alle leggi vigenti. Quello di Silvio Berlusconi è un unicum nella storia repubblicana: se escludiamo il caso di Aldo Moro, vittima del terrorismo, è infatti la prima volta che viene proclamato per un ex Presidente del Consiglio che non sia stato anche Capo dello Stato. Il giorno di lutto nazionale prevede le bandiere a mezz’asta sulle facciate di tutti gli edifici pubblici e due strisce di velo nero per le bandiere interne. Durante la giornata, i membri del governo hanno l’obbligo di cancellare gli impegni pubblici e le scuole possono essere invitate a osservare un minuto di silenzio in memoria del defunto. I proprietari dei negozi, se lo vogliono, possono tenere le persiane abbassate anche per tutto il giorno. Oggi, anche le sedi della Commisione Europea e del Consiglio Europeo hanno ammainato a mezz’asta le bandiere europee.

Non manca, però, chi si oppone. Il rettore dell’Università per Stranieri di Siena (l’UniStraSi), Tomaso Montanari, ha ad esempio deciso che l’Ateneo non esporrà le bandiere a mezz’asta per la morte dell’ex premier. “Mi assumo personalmente la responsabilità di disporre che le bandiere di Unistrasi non scendano – ha messo nero su bianco in un comunicato Montanari -. Ognuno obbedisce infine alla propria coscienza e una università che si inchini a una storia come quella non è una università”. Una scelta che potrebbe essere foriera di guai giudiziari per il Professore. Infatti, il mancato rispetto del lutto nazionale è sanzionabile secondo l’articolo 650 del Codice penale, fino a tre mesi di carcere o con ammenda fino a 200 euro. E la Procura potrebbe procedere anche in assenza di denuncia.

Ieri è stata lanciata sulla piattaforma charge.org una petizione a supporto di Montanari, che in poche ore ha raccolto oltre 73.000 firme. “Per una larghissima parte dei cittadini italiani, e non solo per questi, l’indizione da parte della presidenza del Consiglio del lutto nazionale per la morte di Silvio Berlusconi risulta in stridente contrasto con le vicende che hanno segnato e caratterizzato la vita del personaggio, ben delineate dal professor Montanari, rettore dell’Università per stranieri di Siena, nella sua dichiarazione alla comunità”, è scritto nella petizione. “Dalla P2 ai rapporti con la mafia via Dell’Utri, dal disprezzo della giustizia alla mercificazione di tutto (a partire dal corpo delle donne, nelle sue tv), dal fiero sdoganamento dei fascisti al governo alla menzogna come metodo sistematico, dall’interesse personale come unico metro, alla speculazione edilizia come distruzione della natura”, aveva scritto il Professore, parlando di “santificazione ipocrita“.

In molti hanno fatto notare che il lutto nazionale non fu proclamato nemmeno per due grandi figure come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino in seguito alle stragi di Capaci e di Via D’Amelio. Il grande paradosso è che invece, ad ottenerlo, è stato un uomo che, come accertato dalla giustizia italiana, Cosa Nostra l’ha finanziata almeno per 18 anni tramite il suo braccio destro Marcello Dell’Utri (condannato per questo a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa) e che è morto da indagato tra i presunti mandanti esterni delle stragi del 1993. Salvatore Borsellino, fratello del giudice ucciso il 19 luglio 1992 e fondatore del Movimento delle Agende Rosse, ha firmato la petizione a sostegno di Montanari, esprimendo pubblicamente il suo disappunto per la proclamazione del lutto nazionale dopo la morte di Berlusconi: «Preferirei sperare – ha dichiarato in un’intervista – che non riposi in pace così come non riposeranno in pace tutte le vittime delle stragi di mafia nel nostro Paese e sul quale c’è ancora un forte punto interrogativo».

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

13 Commenti

  1. e’ stato un uomo che è sceso in politica per i suoi interessi personali .
    Ha avuto un successo incredibile di popolo.
    La sua morte mi ha lasciato alquanto indifferente dispiace umanamente ,ma nulla di più
    Poi ….quando si nasce siamo tutti belli ,quando ci si sposa siamo tutti ricchi ,quando si muore siamo tutti buoni
    è un vecchio proverbio sempre attuale

  2. Bene. vivo in un Paese dove quando ci sono state vessazioni verso i non vaccInati INDEGNE di un Paese Liberale (ricordo che fu vietato di lavorare anche ai non vaccinati che lavoravano da soli o esclusivamente in sw) NESSUNO è sceso in piazza mentre in Romania (dove volevano fare la stessa cosa) è scesa in piazza TUTTA la popolazione, mentre adesso vi sono persone che con SENSIBILITA’ ZERO vanno a disturbare il funerale e i parenti del defunto che non saranno certo allegri. Poi vengono fatti paragoni con Falcone e Borsellino, ma in quel tempo NON c’era l’ATTUALE Governo, può anche essere che l’attuale Governo avesse proclamato il lutto nazionale. I paragoni si fanno A PARITA’ di condizioni!! Puoi anche non essere d’accordo sul lutto nazionale ma se fai parte della Pubblica Amministrazione esponi le bandiere a mezz’asta, altrimenti finisce che ognuno fa quello che vuole secondo le simpatie o antipatie di chi è morto!! Confermo indi di stare in un Paese dii FONDAMENTALISTI CONTRAPPOSTI che vanno in piazza solo CONTRO qualcuno ma non a difesa DEI DRITTI di tutti, continuate così e le pensioni (dx e sx insieme) le porteranno a 75 anni tanto a difesa dei vs diritti NON PROTESTATE MAI!!!

  3. Non è che quando uno decede migliori il suo curriculum vitae… Ma si sa, tutti hanno paura della Morte e quindi, più per scaramanzia che non per pietà, è preferibile ingraziarsi ed onorare coloro che sono trapassati, a prescindere…

  4. «Preferirei sperare che non riposi in pace… » ma scherziamo? Ma siamo ancora in un paese civile? Vergognoso che un rettore, solo per odio politico dica queste parole e che parli di pure la mafia per dare un minimo di visibilità a UniTransI.
    Ma dov’è la Pietas che in una società civile è il perno dei rapporti tra gli uomini? Questa mentalità é da morti viventi, neanche paragonabile alla generosità, alla vitalità ed alla grandezza di chi attacca.

    • … intanto «Preferirei sperare che non riposi in pace… » sono parole Salvatore Borsellino e non del rettore Tomaso Montanari che si deve essere ricordato della parole di Hannah Arendt “Nessuno ha il diritto di obbedire …”
      Detto questo sono d’accordo con lei, in questi momenti dovrebbe prevalere la pietas umana e le parole del Vangelo “…chi è senza peccato scagli la prima pietra…”

  5. E certo che proclamano lutto nazionale, è il minimo che possono fare. La maggior parte dei paraculati e raccomandati presenti in parlamento/politica e nella televisione italiana dovrebbero come minimo leccargli i piedi da esanime per la posizione di supremazia sociale che occupano ora, grazie alla spinta che avranno avuto grazie al Re. Per contraccambiare tutti i favori che avranno ricevuto dal Cavaliere, dovrebbero trovarsi al suo pari. Solo questa motivazione trovo per giustificare lutto nazionale, perché altrimenti non ce sono.

      • Veramente penoso, infatti non è il solo in questo club di astiosi ed invidiosi per quello che ha fatto… anche da morto! Non mi stupirei che i nostri magistrati indipendenti abbiano anche brindato nel loro piccolo. Non serve tirare fuori la Arendt o Gesù, decontestualizzando i suoi discorsi, quello che manca è il silenzio è il rispetto per un uomo morto, anche se odiato. Quando un uomo è un personaggio, allora è sempre in scena, ha ammiratori e detrattori, chi lo applaude e chi lo detesta, tutti si sono sperticato a dire quello che ha fatto, ma le uniche cose da dire in quel giorno erano «è un uomo e ora incontra Dio»…. Ora il giorno dopo scatenatevi è il lavoro che vi riesce meglio.

      • Veramente penoso, infatti non è il solo in questo club di astiosi ed invidiosi per quello che ha fatto…anche da morto! Non mi stupirei che i nostri magistrati indipendenti abbiano anche brindato nel loro piccolo. Non serve tirare fuori la Arendt o Gesù, decontestualizzando i discorsi, quello che manca è il silenzio è il rispetto per un uomo morto, anche se odiato. Quando un uomo è un personaggio è sempre in scena, ha ammiratori e detrattori, chi lo applaude e chi lo detesta, tutti si sono sperticato a dire quello che ha fatto, ma le uniche cose da dire in quel giorno erano «è un uomo e ora incontra Dio»…. Ora il giorno dopo scatenatevi è il lavoro che vi riesce meglio…

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI