sabato 25 Maggio 2024

Il complesso industriale della censura: come i governi democratici manipolano l’informazione

Alcuni giornalisti a cui sono stati affidati i cosiddetti Twitter Files – i documenti riservati interni del celebre social network – approfondendo le indagini sulla gestione dell’informazione nei sistemi considerati democratici, hanno scoperchiato un vero e proprio vaso di pandora, rivelando come l’informazione nei sistemi liberali non sia affatto libera, bensì pesantemente manipolata e alterata da quello che hanno definito niente di meno che il «complesso industriale della censura», un complesso apparato teso ad avere un controllo pressoché assoluto sulla comunicazione. Quest’ultima, infatti,...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

9 Commenti

  1. Ottimo articolo, sarebbe molto interessante capire come anche in Italia vengano gestire le stesse attività. Anche qui ci sarà una rete governativa-universitaria-think-thank che gestisce il tutto. Qua da noi emerge sempre molto poco.
    Grazie

  2. Articolo interessantissimo, complimenti. Bisognerebbe indagare anche su quei gruppi di informazione alternativa molto seguiti ma parecchio ambigui, che spesso diffondono vere e proprie fake confezionate ad arte. Ne suggerisco una sul quale ho parecchi sospetti, QAnon. Non è che anche in questo caso si tratta di sofisticate operazioni di intelligence atte a convogliare persone ansiose di trovare verità per metterle su un binario morto e indurli a tornare all’informazione tradizionale?

  3. C sto scrivendo UN LIBRO, sulla base della mia elaborazione dei dati, con fonti ISS e ISTAT è stata esclusivamente una PANDEMIA DEI FRAGILI estesa a tutti (sarà forse per vendere più vaccini?)- Per un soggetto SANO NON VACCINATO la probabilità di morire di Covid su base annua è INFERIORE a quella di morire in un incidente stradale!!

    • Sempre libertà di espressione e pensiero, e con tutto il rispetto: mizzica è l’ennesima volta che scrivi sto messaggio/commento!
      Non c’è poi da vantarsi tanto se uno sceglie di vaccinarsi (avvelenarsi / destabilizzare le proprie basi genetiche naturali) secondo dei dati statistici.
      Non è certo la percentuale (di paura) di probabilità di morte che dovrebbe muovere l’Essere umano…
      Comunque, quando avrai finito il libro… ti auguro tante occasioni di pubblicità e successo.

  4. L’epidemia di Controllo-Censura-Consenso ha – per contro – contribuito allo sviluppo di anticorpi pensanti, non solo nell’arte come diceva De André, ma anche nel giornalismo d’inchiesta come ci testimonia la splendida Audiello e pochi altri. Ho sempre di più l’impressione che stiano germogliando fenomeni di consapevolezza aumentata (diciamo, a macchia di leopardo) come mai nella storia… Quello che Beretta (qui sotto) definisce “aumento dello stato di coscienza”, è una reale condizione di messa a fuoco dei meccanismi sociali degenerativi che sembra avvicinarsi ad una specie di “misticismo contemporaneo”.

    • Precisamente. Ma Misticismo sarà Reale e Scienza Spirituale quando non ci sarà più scissione/dissociazione tra ciò che è fuori (esterno) con ciò che è dentro (interno) a noi. Quando l’arroganza, la brama (di controllo, potete, visibilità, ragione sull’altro, …), e le degenerazioni degli Ego in noi verranno “sciolte” alla luce della Coscienza.
      Senza Umiltà e pratica di Auto-Osservazione non cesseranno mai i sorrisini degli Intellettuali dinanzi alla Pia credente, dei Medici dinanzi ai novax, dei Cattolici dinanzi ai Mistici orientali e così via…
      Quindi, quale impulso mi ha spinto a digitare tale commento? Come mi sento ora, intimamente? E domani? Come posso liberarmi da questi impulsi, degenerazioni, stati di dipendenza..?
      Chi non Conosce Se stesso, non può Conoscere (il funzionamento/ scopo) dell’Universo (della Vita, Natura esteriore) e degli Dei ( Vita Interiore e di Natura Superiore). Chi pensa di sapere tutto, non conosce nemmeno se stesso.

  5. Ottimo articolo, da leggere e rileggere e da diffondere. Il Potere, da sempre, ha in mano gli strumenti per governare e per mantenersi. Un tempo gli bastava la clava, oggi ha bisogno della IA per incutere paura, che è l’emozione più potente e profonda per annichilire l’avversario e costringerlo ad obbedire. Oggi però, il Potere, nella sua arroganza, per il secondo principio della termodinamica, ha provocato un aumento dello stato di coscienza in molti cittadini che non sono più disposti a barattare la propria libertà con la falsa ed ipocrita sicurezza contrabbandata dagli organi di informazione ufficiali.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI