martedì 18 Giugno 2024

Nei mari della Sicilia è in corso una maxi esercitazione della NATO

Nelle scorse ore è iniziata “Dynamic Manta 2023”, la maxi esercitazione annuale della NATO al largo delle coste siciliane che vede impegnati unità da guerra, sottomarini (anche nucleari), cacciabombardieri e droni. I Paesi coinvolti, oltre all’Italia, sono Regno Unito, Grecia, Turchia, Canada, Spagna, Stati Uniti, Francia e Germania. Come riporta il Comando navale della NATO l’esercitazione, che si concluderà il 10 marzo, «ha lo scopo di fornire a tutti i partecipanti un addestramento complesso per rafforzare l’interoperabilità e le competenze nella conduzione di attività belliche anti-sottomarini e anti-navi di superficie». Le autorità hanno raccomandato a tutto il traffico nelle vicinanze di prestare adeguata attenzione nei prossimi dieci giorni, durante i quali la NATO simulerà varie battaglie navali nel Mediterraneo.

Sin dal 2013 Dynamic Manta rappresenta una delle più importanti e complesse esercitazioni antisommergibile della NATO. Quest’anno saranno cinque i sommergibili impiegati, appartenenti alle Marine di Grecia, Italia, Turchia e Stati Uniti. I battelli si addestreranno con le unità di superficie, dunque navi ed elicotteri forniti dagli altri Paesi membri coinvolti nell’operazione. L’area interessata si estende dal suolo a FL90 ad est della Sicilia comprese anche le regioni di informazione di volo (FIR) di Atene e Malta e nel Tirreno, tra la Sicilia e la Sardegna.

Si tratta della prima esercitazione NATO ospitata dall’Italia nel 2023. Lo scorso ottobre era stata Cagliari a svegliarsi in assetto da guerra, con portaerei, incrociatori, corvette e sommergibili nell’ambito dell’operazione “Mare Aperto 22-2”. Allora, così come nelle scorse ore, la cittadinanza ha fatto sentire la propria voce protestando nei confronti di tali esercitazioni militari che, tralasciando il fattore geopolitico, preoccupano per i danni all’ambiente e alla salute. Lungo il perimetro della base di Sigonella sono apparsi diversi manifesti che recitano: “Fuori dalla Sicilia le basi militari angloamericane emblema della cosiddetta “esportazione della democrazia!”.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

4 Commenti

  1. Fornire armamenti a paesi non UE e non NATO, come l’Ucraina, rappresenta un’intromissione in affari di paesi Terzi. I presidenti dei paesi UE e i loro governi stanno giocando sporco! I cittadini cominciano a prendere coscienza delle conseguenze gravi che questi giochi stanno determinando sulla loro futura incolumità.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI