martedì 28 Maggio 2024

La carta fedeltà di Esselunga finanzia anche organizzazioni neofasciste

Fa discutere la raccolta benefica proposta ai clienti di Esselunga per la cessione dei punti fedeltà col fine di aiutare famiglie in difficoltà. La particolarità che ha fatto discutere e che ha attirato le polemiche risiede nel fatto che il progetto benefico è stato presentato da Bran.Co, anche conosciuto come Branca Comunitaria, un ente no-profit legato all’organizzazione neofascista Lealtà e Azione.

Ad accendere i riflettori sulla raccolta benefica è stata Memoria Antifascista, un coordinamento di associazioni vicine all’Anpi, che in un proprio comunicato ha scritto: «Apprendiamo dalle pagine social di Bran.co, nota associazione figlia di Lealtà Azione, che è in atto un’iniziativa che vede coinvolta anche Esselunga, una delle maggiori catene di distribuzione italiane. Anche in questo caso, come già accaduto in passato il gruppo neonazista promuove una donazione, stavolta sotto forma di cessione punti Fidaty card, per alcuni progetti di aiuto alle famiglie “solo” italiane». Il coordinamento chiede poi ad Esselunga di ravvedersi e di non prestarsi alla propaganda razzista promossa tramite la raccolta di beneficienza.

Il progetto proposto da Branca Comunitaria prende il nome di CooXazione ed è nato «con l’intento di intervenire concretamente a favore alle numerose famiglie italiane in difficoltà economica, abbandonate dallo Stato e che nessun’altra organizzazione umanitaria aiuta». Nella grafica pubblicitaria che informa i clienti di Esselunga della possibilità di donare i propri punti fedeltà compare anche il logo di Milano Aiuta Milano, parte del progetto Italia Aiuta Italia, il quale propone CooXazione in varie città d’Italia, tra cui, Monza, Lodi, Magenta, Abbiategrasso, Firenze, in un totale di 12 regioni.

Bran.Co è legato al movimento neofascista chiamato Libertà e Azione, il quale a sua volta è all’interno di FEDErAZIONE che riunisce vari gruppi militanti di estrema destra in tutta Italia. L’accusa rivolta è che da anni Lealtà e Azione si serve di alcune associazioni da lei stessa creata per “mimetizzarsi” in luoghi neutri e apolitici per svolgere opera di proselitismo tramite opere benefiche.

Dal canto suo, Esselunga ha spiegato che “le iniziative di donazione dei punti Fidaty come quella riferita non sono in alcun modo riconducibili alle attività dell’azienda. I progetti di solidarietà promossi da Esselunga tramite il suo programma fedeltà sono resi noti attraverso i canali ufficiali di Esselunga”. In altre parole, la campagna benefica proposta dall’ente legato a Lealtà e Azione non fa parte delle iniziative promozionali dell’azienda ma, come possono fare tutte le associazioni, è una richiesta diretta che l’ente propone dai clienti di Esselunga.

[di Michele Manfrin]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

3 Commenti

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI