lunedì 22 Aprile 2024

Gli italiani sono sempre più contrari all’invio di armi in Ucraina

Un sondaggio condotto da Euromedia Research, i cui dati sono stati diffusi a Porta a Porta e su La Stampa, ha raccolto le opinioni degli italiani sull’invio di armi in Ucraina. È stato registrato un picco di contrarietà, con il 52% degli intervistati che si è detto contrario e il 39,9% favorevole ai rifornimenti militari da parte del nostro Paese, mentre il restante 8,1% non si è schierato. La percentuale dei contrari è, dunque, in crescita e supera per la prima volta il 50%, nonostante le campagne mediatiche e l’allineamento favorevole della quasi totalità delle forze politiche. Oltre due intervistati su tre (il 68%) si sono detti contrari a un ingresso in guerra della NATO, contro l’appena 16% di favorevoli. Percentuali simili per l’opposizione alla decisione della Germania di inviare in Ucraina i carri armati Panzer-Leopard. Infine, il 78% degli intervistati ha dichiarato di vedere ancora lontana la fine del conflitto.

I dati elaborati da Euromedia Research descrivono il riacutizzarsi della paura degli italiani rispetto a una possibile escalation tra Russia e Ucraina, di cui abbiamo discusso sulle pagine de L’Indipendente. Gli esiti del sondaggio sono in sintonia con l’analisi pubblicata nei giorni scorsi da SWG, che vedeva il 55% degli intervistati contrario all’aumento delle spese militari e, dunque, all’obiettivo del 2% del PIL fissato tra i Paesi NATO. Non solo fermare il riarmo, ma anche tassare gli extra profitti delle aziende della Difesa. Questa l’idea di oltre i due terzi (69%) degli italiani.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

6 Commenti

  1. Questo lascia intendere quanto Meloni, abituata a cambiare versione ogni giorno, rispetta le attese dei cittadini, esaudendo tutte le richieste della NATO e della Van der LIAR che, come tutti NON sanno, non dispone di nessun mandato sovranazionale europeo, ma tutti gli leccano i piedi.
    Sfortunatamente 80% dei cittadini affermano : “e che ci possiamo fare ?” Ignorando che i politici sono al servizio del popolo e non il contrario. Motivo per il quale ogni popolo ha il governo che si merita.

  2. Meno male che i politicanti lavorano per il nostro bene ,fanno tutto per noi ,son persone serie non se ne approfittano,sono umili ,democratici e altruista,umani e con tanto buon senso ,sono i migliori ….come quelli dell’informazione mainstreem

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI