mercoledì 1 Febbraio 2023

Valditara: rivedere norme su alternanza scuola-lavoro

«L’alternanza scuola lavoro va rivista: bisogna tutelare gli studenti e la loro vita. Stiamo lavorando per predisporre una normativa più giusta e avanzata insieme al ministro del Lavoro Maria Elvira Calderone», lo ha scritto in un tweet il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara, in seguito alla tragedia che ha riguardato Giuliano De Seta: lo studente morto durante l’alternanza scuola-lavoro il 16 settembre scorso, schiacciato da una lastra di acciaio del peso di una tonnellata e mezzo. Ieri è emersa, infatti, la notizia che nessun risarcimento sarà corrisposto dall’Inail ai genitori del diciottenne di Ceggia, perché la norma lo prevede soltanto nel caso lo stagista sia anche “capofamiglia”. Il ragazzo si trovava in azienda come stagista e non come operaio della Bc Service, con sede a Noventa di Piave, quando è avvenuto l’incidente. Il processo nei confronti degli indagati è programmato per il 10 marzo.

Ultime notizie

Ucraina, un’arma tira l’altra: ora Kiev vuole caccia e missili a lungo raggio

Dopo l’invio del lanciarazzi multiplo HIMARS, prima, e la decisione di inviare i carrarmati tedeschi e americani, dopo, ora...

Caro bollette e riscaldamenti rotti: proteste in tutta Italia per il freddo a scuola

I problemi strutturali nelle scuole di tutta Italia hanno causato l'interruzione delle lezioni in diverse città, dopo che gli...

Tutta Europa è alle prese con picchi di mortalità apparentemente inspiegabili

Nell'ultimo periodo una problematica di cui poco si parla, ma che interessa diversi paesi appartenenti all'Unione europea e non...

Il Comune di Napoli ha votato sì alla cittadinanza onoraria per Julian Assange

Il 31 gennaio, il Consiglio Comunale di Napoli ha votato a larga maggioranza, con solo 4 astenuti, un ordine...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI