lunedì 4 Marzo 2024

Valditara: rivedere norme su alternanza scuola-lavoro

«L’alternanza scuola lavoro va rivista: bisogna tutelare gli studenti e la loro vita. Stiamo lavorando per predisporre una normativa più giusta e avanzata insieme al ministro del Lavoro Maria Elvira Calderone», lo ha scritto in un tweet il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara, in seguito alla tragedia che ha riguardato Giuliano De Seta: lo studente morto durante l’alternanza scuola-lavoro il 16 settembre scorso, schiacciato da una lastra di acciaio del peso di una tonnellata e mezzo. Ieri è emersa, infatti, la notizia che nessun risarcimento sarà corrisposto dall’Inail ai genitori del diciottenne di Ceggia, perché la norma lo prevede soltanto nel caso lo stagista sia anche “capofamiglia”. Il ragazzo si trovava in azienda come stagista e non come operaio della Bc Service, con sede a Noventa di Piave, quando è avvenuto l’incidente. Il processo nei confronti degli indagati è programmato per il 10 marzo.

Ultime notizie

L’Italia va alla guerra “difensiva” contro gli Houthi: la missione sarà votata in Parlamento

Domani in Parlamento, tanto nell'aula del Senato quanto in quella della Camera, verrà votata l'approvazione della missione europea Aspides...

Il Parlamento Europeo dà via libera definitivo all’identità digitale

Con 335 voti favorevoli e 190 contrari, il Parlamento europeo ha approvato il regolamento per l’EU Digital Identity Wallets,...

Il debito pubblico dell’Italia è in discesa e sta tornando in possesso delle famiglie

Dall’Istat arrivano dati inaspettati e in un certo senso sorprendenti per l’economia italiana: a dispetto di una narrazione martellante...

Il Pentagono ha trasformato il Medio Oriente in un poligono per armi assistite dall’IA

La direttrice tecnologica (CTO) del Comando Centrale statunitense (CENTCOM), Schuyler Moore, ha annunciato, non senza un certo candore, che...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI