domenica 29 Gennaio 2023

Green pass: il caso Madame e le “bufale” addossate a Meluzzi dalla stampa mainstream

Indagata dalla procura di Vicenza per falso ideologico, nell’ambito dell’inchiesta sui falsi green pass, la cantante Madame, al secolo Francesca Calearo, ha rotto il silenzio su Instagram con un lungo post, ammettendo di non essersi sottoposta né a vaccinazione anti-Covid né a quelle tradizionali, in quanto «nata e cresciuta in una famiglia che per vari motivi ha iniziato a dubitare dei medici e della medicina tradizionale». Per correre ai ripari dopo le polemiche che l’hanno travolta nelle ultime settimane, la cantante ha così incolpato le scelte dei genitori che l’avrebbero influenzata e che sono andate «in una direzione ostinata e contraria» rispetto alla scienza. Dopo aver appreso dell’indagine a suo carico si sarebbe rivolta a un infettivologo che le avrebbe prescritto le vaccinazioni ritenute “essenziali”. 

Secondo l’inchiesta de Il Giornale di Vicenza, oltre al nome di Madame, nell’indagine della procura di Vicenza era trapelato anche il nome della tennista di fama mondiale Camila Giorgi

Il caso, che ha tenuto banco per giorni sui media, sollevando anche polemiche per la presenza di Madame a Sanremo, ricorda quello di novembre 2021, quando venne indagato dalla Procura di Roma Alessandro Aveni, odontoiatra e medico di base, con lo studio a Colli Albani: i carabinieri sequestrarono nove green pass falsi, tra cui quello di Pippo Franco, anche lui indagato.

Fermo restando che le vicende sugli altri indagati sono ancora da accertare, è interessante sollevare alcune osservazioni.

La prima riguarda l’ipocrisia di quei vip che, come nel caso confermato di Madame, invece di prendere posizione contro l’imposizione del green pass e delle vaccinazioni anti-Covid, hanno preferito tacere e ricorrere a mezzi illegali, pagando per ottenere una certificazione falsa e poter continuare il loro lavoro indisturbati. La loro voce avrebbe potuto sensibilizzare l’opinione pubblica in un momento delicato di compressione dei diritti e delle libertà fondamentali. Hanno preferito invece tacere e adeguarsi, aggirando il sistema.

La seconda è che per continuare a far parte dell’élite politicamente corretta ma feroce e intransigente con chi dissente, ci si deve umiliare pubblicamente, abiurando come un eretico e rinnegando le proprie idee e le proprie scelte. 

La terza considerazione riguarda l’atteggiamento dei media nei confronti di chi ha criticato le misure adottate per il contrasto alla pandemia e ha provato a squarciare il velo di falsità.

Il 15 luglio del 2021 il noto medico, psichiatra e saggista italiano, Alessandro Meluzzi, nel corso di un incontro organizzato da Salute Attiva a San Marino, aveva denunciato alla platea l’esistenza di una rete di finte vaccinazioni: «Buona parte di quelli che si sono vaccinati da una certa sfera in avanti, hanno fatto falsi vaccini. Ve lo certifico perché lo hanno proposto anche a me. Sapete qual è stata la mia risposta che mi ha fatto passare definitivamente per pazzo? Perché non voglio sporcare il mio karma». 

La notizia era stata subito etichettata come una “bufala”, senza neanche il tempo di approfondirne la fondatezza. Meluzzi, dal canto suo, non solo non ha mai smentito le sue dichiarazioni, ma ha confermato ripetutamente questa versione, in svariate interviste e convegni. Invece di interpellarlo e chiedergli spiegazione su quanto esposto, i media mainstream hanno scelto di denigrarlo, continuando quell’opera di criminalizzazione del dissenso che si è consolidata durante la pandemia.

Su tutti è da segnalare Open che ha accusato Meluzzi di mentire e di diffondere «campagne complottiste e No Vax» senza alcuna prova. Dello stesso tenore Libero Quotidiano che in un articolo aveva bollato come «fake news della peggior specie» il suo intervento definendo «tontoloni della rete» coloro che avevano creduto al suo racconto e che «subito sono cascati nella bufala spacciata per atto di denuncia dallo psichiatra e opinionista televisivo».

Alla luce dell’ammissione di Madame, possiamo dire che Meluzzi aveva ragione

Eppure, sappiamo che non arriveranno rettifiche o scuse: invece di denunciare le storture del sistema, alcuni mezzi di informazione sembrano più concentrati a imporre all’opinione pubblica una narrazione unica della realtà. Non c’è spazio per il pensiero libero e indipendente né tantomeno per il sospetto, anzi, il dubbio viene additato come il segnale di uno squilibrio paranoico e la coscienza critica diventa sinonimo di “complottismo”. 

[Enrica Perucchietti]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

6 Commenti

  1. Era diciamo logico?! Con la dose che era da dividere da una fiala in 6 iniezioni..chi prepara e chi inocula può fare quello che vuole…facciamo un test al parlamento , alle forze armate piani alti ecc. e vediamo chi lo ha fatto.. li conteremo su una mano

  2. Ha svenduto i genitori? Scusi ma conosce Vincenzo Vico? La signora ha avuto una certa formazione ed una sensibilita’tali..una ricerca della Verita’…in base a cio’si è potuta formare ed informare in modo libero, cosi da farle prendere la propria decisione. Proprio Grazie alla formazione dei genitori, i quali non detengono la colpa ma il Merito di averle fornito gli strumenti adatti ad aiutarla a comprendere quanto siano delinquenti ed assassini..quanto fallimentare sia la medicina allopatica, la quale priva l’essere umano delle proprie Responsabilità, prima di tutto verso la propria salute.ma non solo..
    Per quanto riguarda il fatto di essersi munita di falso lasciapassare, contravvenendo alla legge ILLEGALE ed anticostituzionale, beh, mi pare le svariate sentenze che concordano sulla incostituzionalità dei vergognosi immondi Dpcm possano giustificare il Diritto a difendersi di fronte a tali ingiustizie. La Letteratura strabocca di Saggi che comprendono e giustificano una reazione, anche violenta, di fronte a palesi ingiustizie..basta leggere/studiare e lottare ..iper fare in modo glii antichi Saggi non vengano dimenticati e cancellati dai delinquenti demoniaci Mainstream..
    In proposito mi chiedo cone mai testate come l’Indipendente nn abbiano praticamente mai denunciato il maggiore responsabile di tali nefandezze..Art.1 e Art.19 della nostra meravigliosa Costituzione, calpestata in modo infame da chi dovrebbe invece difenderla strenuamente..e pensare che sino a pochissimo tempo fa scattava l’Impeachment per questioni molto ma molto meno gravi di quelle perpetuate ultimamente.
    Cordialita’

    • Mah…..a me il comportamento di Madame non è piaciuto per niente. Sembra una banderuola in preda a tutti i venti possibili, almeno in base a quanto riportato. Segue acriticamente quello che le dicono i genitori, poi ritratta tutto. Mi pare che l’unica cosa che le preme è fare parte dello show business, quindi, alla fine, una vittima di questa civiltà dell’immagine. Mi fa pena, come molti giovani, abituati al mimetismo. Una vittima della società dell’immagine, incapace di discernere il grano dal loglio.

  3. La cantante ha avuto l’occasione per difendere la sua posizione, invece… ha svenduto i genitori per mantenere il suo status quo e diventare la nuova paladina dei ravveduti! E le porte di Sanremo magicamente si spalancano al suo cospetto. Inqualificabile

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI