mercoledì 24 Luglio 2024

Nel 2022 raddoppiate le minacce ai giornalisti

L’osservatorio Ossigeno per l’informazione ha riferito che nel 2022 in Italia sono stati minacciati il doppio di giornalisti rispetto all’anno precedente e, mentre sono diminuite le denunce da parte dei minacciati, sono aumentate le querele e le cause per diffamazione a mezzo stampa temerarie e strumentali. Presentando gli ultimi dati rilevati, l’osservatorio precisa che «nei primi 9 mesi del 2022 sono stati rilevai da Ossigeno 173 episodi di intimidazioni e minacce nei confronti di 564 operatori dei media (giornalisti, blogger, videoperatori), di cui il 29% è costituito da donne, colpite per il 36% da minacce gender based». Si tratta di risultati diversi rispetto a quelli ottenuti dalle statistiche del Ministero dell’Interno – secondo cui le minacce di questo tipo sono in calo rispetto al 2021 – in quanto i dati di Ossigeno per l’informazione fanno riferimento a tipologie di intimidazioni e minacce più ampie rispetto a quelle prese in considerazione dal Viminale.

Ultime notizie

Palestina, la mossa della Cina: media la pace tra Hamas e Fatah e mette in difficoltà Israele

Hamas, Fatah e altre 12 fazioni palestinesi hanno siglato a Pechino un accordo per mantenere il controllo sulla Striscia...

Palestine Cola: la bibita contro il genocidio che sfida le multinazionali

Dalla scorsa primavera, un nuovo marchio sta prendendo piede nel mercato internazionale delle bibite: si tratta dello svedese Palestine...

Bruxelles cerca amici a Est: aiuti militari all’Armenia, l’alleato di Mosca deluso da Putin

Il Consiglio dell'Unione Europea ha annunciato ieri che, per la prima volta, l'UE veicolerà aiuti militari all'Armenia. Si parla,...

I fornitori di Ikea stanno disboscando i Carpazi: la denuncia di Greenpeace

Ikea torna al centro della bufera, dopo un'ultima indagine di Greenpeace in seguito a cui l'organizzazione ambientalista ha lanciato...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI