giovedì 2 Febbraio 2023

Qatargate: Eva Kaili confessa

Durante il suo interrogatorio, l’eurodeputata ed ex vicepresidente del Parlamento europeo, Eva Kaili – ora in carcere – ha ammesso di aver chiesto a suo padre di nascondere parte del denaro che era a casa sua e di essere a conoscenza dell’attività portata avanti dal marito, Francesco Giorgi, con l’ex eurodeputato Antonio Panzeri, entrambi in carcere. Lo riporta il quotidiano belga Le Soir, citando documenti visionati in merito all’inchiesta penale sulla presunta corruzione al Parlamento europeo. L’avvocato di Kaili ritiene che parlare di “confessione parziale” per la sua assistita sia un’interpretazione orientata che impegna solo la redazione del quotidiano. Tuttavia, la flagranza di reato e l’aver provato a inquinare le prove hanno convinto la giustizia belga ad arrestarla. La politica greca comparirà giovedì 22 dicembre davanti alla camera di consiglio, che deciderà se prolungare la sua detenzione o rilasciarla con o senza condizioni.

Ultime notizie

Nella nuova strategia del governo tutto è concesso contro Alfredo Cospito

Il deputato di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli ha commentato, durante l'approvazione del disegno di legge per l’istituzione della Commissione...

Ucraina, un’arma tira l’altra: ora Kiev vuole caccia e missili a lungo raggio

Dopo l’invio del lanciarazzi multiplo HIMARS, prima, e la decisione di inviare i carrarmati tedeschi e americani, dopo, ora...

Caro bollette e riscaldamenti rotti: proteste in tutta Italia per il freddo a scuola

I problemi strutturali nelle scuole di tutta Italia hanno causato l'interruzione delle lezioni in diverse città, dopo che gli...

Tutta Europa è alle prese con picchi di mortalità apparentemente inspiegabili

Nell'ultimo periodo una problematica di cui poco si parla, ma che interessa diversi paesi appartenenti all'Unione europea e non...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI