sabato 28 Gennaio 2023

Gli utenti di Twitter “licenziano” Elon Musk

Lunedì 19 dicembre, il nuovo proprietario e dirigente di Twitter, Elon Musk, ha lanciato il guanto di sfida avviando un rilevamento nel quale ha chiesto agli utenti della piattaforma di votare se fosse o meno il caso che rassegnasse le dimissioni. Dopo ore di sondaggio, i risultati sono espliciti: il 57,5% dei votanti vuole che l’imprenditore rassegni le dimissioni. L’account di Musk, solitamente molto attivo, ha reagito alla notizia con un silenzio loquace.

Nonostante non si possa definire schiacciante, l’opinione manifestata dai detrattori del miliardario rimane netta ed esplicita, un esempio concreto di come la percezione pubblica dell’uomo si stia deteriorando rapidamente soprattutto per quanto concerne la gestione del social. Da dove sia giunga tanta frustrazione non è difficile intuirlo: Musk ha acquistato Twitter 54 giorni fa con l’intenzione dichiarata di concedere massima libertà di parola a tutti gli utenti, anche a coloro che fino a oggi erano stati ostacolati dai sedicenti valori della sinistra, tuttavia gli episodi concreti non hanno in alcun modo rinforzato questa promessa. Anzi, se è possibile l’hanno sbugiardata malamente.

Il primo, eclatante, segnale di come la libertà di parola assoluta professata da Musk non sia poi così tanto libera si è registrato a inizio novembre, quando un gruppo di utenti ha evidenziato il proprio scontento “parodiando” l’account ufficiale di Musk. La piattaforma ha immediatamente bloccato alcuni di questi profili introducendo una regola utile a determinare che i profili canzonatori dovessero indicare esplicitamente la loro natura giocosa. Internet ha reagito con malizia: approfittando di alcune ambiguità formali, molti hanno creato pagine fasulle che, pur rispettando le norme sopra citate, sono riusciti a creare un caos che è costato alle aziende un numero imprecisato di miliardi di dollari. La policy di moderazione è stata dunque alterata per intensificarne i divieti.

Il 15 dicembre l’imprenditore ha imposto un’altra modifica alle regole del social. Dopo aver denunciato pubblicamente di essere stato attaccato da uno sconosciuto, Musk ha notificato agli utenti di Twitter l’intenzione di non voler tollerare ulteriormente alcun genere di doxxing, ovvero di voler punire la condivisione delle informazioni di geolocalizzazione di soggetti terzi. Il primo a cadere è stato Jack Sweeney, soggetto che traccia da tempo i movimenti del jet privato del miliardario, ma nel fuoco incrociano sono stati colpiti temporaneamente anche molti giornalisti d’alto profilo la cui loro unica colpa era quella di aver interagito con l’account “incriminato”. L’azienda tech ha quindi cercato di fare spazio ad altre norme nell’estremo tentativo di arginare la fuga degli utenti verso i social della concorrenza, tuttavia un simile intento era tanto smaccatamente anticoncorrenziale che è stato annullato in meno di un giorno.

Non è detto che Musk sia più di tanto affranto per gli esiti del sondaggio. Certo, il popolo ha dichiarato ad alta voce di non amarlo incondizionatamente e lui ha ventilato l’idea di limitare la partecipazione ai sondaggi futuri ai soli abbonati, ma neppure un mese fa l’imprenditore aveva dichiarato davanti a una corte del Delaware che avrebbe presto ceduto le redini di Twitter a qualcun altro al fine di dedicarsi a tempo pieno alla gestione della sua Tesla. A prescindere dal sondaggio, il dirigente aveva già deciso di abbandonare il suo ruolo di “Capo Tweet”, l’unica incognita sono le tempistiche. L’imprenditore potrebbe in ogni caso già contare su due papabili sostituti: Jason Calacanis e David Sacks. Il primo è noto per aver trionfato finanziariamente con l’ideazione e la vendita di Weblog Inc, il secondo ha a curriculum la posizione di direttore operativoGli in PayPal. Ambo sono già presenti in Twitter come consulenti.

[di Walter Ferri]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

1 commento

  1. Da tempo uno dei problemi principali di Twitter è la presenza di bot (profili fake) manovrati da persone e/o gruppi di interesse e utilizzati, ad esempio, per promuovere truffe, inoltrare spam o votare ai sondaggi. Musk stesso è seguito da migliaia (se non milioni) di bot che potrebbero aver interferito con i sondaggi. Lui stesso ne è a conoscenza e si dice che stia attuando delle misure per bloccarli o almeno limitarne la diffusione.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI