venerdì 27 Gennaio 2023

Decreto Rave: limitato a “raduni musicali”, restano carcere e intercettazioni

Passo indietro del governo sul decreto rave: dopo le modifiche apportate dal ministero della Giustizia il reato di riferimento passa dal 434 c.p. (“crollo di costruzioni o altri disastri dolosi”) al 633, il quale prevede da 3 a 6 anni di reclusione e multe da 1000 a 10mila euro per chi promuova “l’invasione arbitraria di terreni o edifici altrui, pubblici o privati” per realizzare raduni musicali, nel momento in cui salute e incolumità pubbliche siano messe a repentaglio “dall’inosservanza delle norme in materia di sostanze stupefacenti”, di sicurezza o di igiene. Resta la possibilità di attivare le intercettazioni telefoniche, ma sparisce il numero dei partecipanti, prima quantificato a 50.

Ultime notizie

Akira Miyawaki, il botanico che ha elaborato un metodo per riforestare il Pianeta

Chi definisce le foreste “il polmone verde del Pianeta” ha ragione. Gli alberi ci forniscono aria pulita, regolarizzano il...

Alternanza scuola-lavoro, la riforma beffa: i ragazzi potranno morire assicurati

Il 16 settembre 2022 il diciottenne Giuliano De Seta moriva schiacciato da una lastra di acciaio di oltre una...

L’Italia è tornata una terra di emigranti

Era il 30 giugno 1966 quando Telemondo, una delle prime televisioni libere del nostro Paese, raccolse le testimonianze di...

Vaccini Covid e richiami: ora l’attacco a Pfizer e Moderna arriva dal Wall Street Journal

“La campagna ingannevole dei booster Covid bivalenti” così il WSJ ha intitolato l’editoriale pubblicato il 22 gennaio, nel quale...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI