venerdì 12 Aprile 2024

Decreto Rave: limitato a “raduni musicali”, restano carcere e intercettazioni

Passo indietro del governo sul decreto rave: dopo le modifiche apportate dal ministero della Giustizia il reato di riferimento passa dal 434 c.p. (“crollo di costruzioni o altri disastri dolosi”) al 633, il quale prevede da 3 a 6 anni di reclusione e multe da 1000 a 10mila euro per chi promuova “l’invasione arbitraria di terreni o edifici altrui, pubblici o privati” per realizzare raduni musicali, nel momento in cui salute e incolumità pubbliche siano messe a repentaglio “dall’inosservanza delle norme in materia di sostanze stupefacenti”, di sicurezza o di igiene. Resta la possibilità di attivare le intercettazioni telefoniche, ma sparisce il numero dei partecipanti, prima quantificato a 50.

Ultime notizie

Gli infiniti più grandi di altri e i problemi ancora irrisolti della matematica

Insiemi infiniti più grandi di altri in quanto contengono un’infinità “più potente” di elementi in più: ciò che può...

Gli Agnelli-Elkann fanno 4 miliardi di utili mentre smantellano la produzione italiana

Exor, la holding della famiglia Agnelli Elkann, che tra gli altri controlla Stellantis, Iveco e Juventus, ha chiuso il...

Fratelli d’Italia ha presentato un emendamento che reintroduce il carcere per i giornalisti

Attraverso alcuni emendamenti presentati ieri da Gianni Berrino, capogruppo di FDI in Commissione Giustizia a Palazzo Madama, il partito...

Uno studio ha verificato come ascoltare musica coinvolge cuore e stomaco

La musica non viene ascoltata solo con le orecchie, ma è un’esperienza che coinvolge tutto il corpo stimolando non...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI