venerdì 19 Luglio 2024

Indonesia: terremoto provoca almeno 44 morti e 300 feriti

Un terremoto di magnitudo 5.6 ha scosso l’isola principale dell’Indonesia, Giava: l’epicentro è stato individuato nella città di Cianjur a una profondità di dieci chilometri, secondo quanto riferito da un portavoce locale. «Sono morte decine di persone. Centinaia, forse migliaia di case sono state danneggiate. Finora, sappiamo di 44 persone decedute», ha detto il portavoce dell’amministrazione locale nella città di Cianjur. La scossa ha fatto tremare anche gli edifici nella capitale Giacarta. «Secondo le prime informazioni, in un solo ospedale sono decedute quasi 20 persone e almeno 300 sono in cura. La maggior parte di loro ha fratture dopo essere rimasta intrappolata nelle macerie degli edifici», ha dichiarato a Metro TV Herman Suherman, capo dell’amministrazione comunale di Cianjur, città a 100 chilometri da Giacarta.

Ultime notizie

Corte Internazionale di Giustizia: gl insediamenti israeliani in Palestina sono illegali

La Corte Internazionale di Giustizia (CIG) ha stabilito che gli insediamenti israeliani in Palestina violano il diritto internazionale. Il...

Con un voto del Parlamento Israele ha finalmente ammesso la sua natura coloniale

«La Knesset si oppone fermamente alla creazione di uno Stato palestinese», perché «rappresenterebbe un pericolo esistenziale per lo Stato...

Fare società altrove: la comunità filippina di Milano e la pallacanestro come mezzo culturale

Secondo il censimento del 1° gennaio 2023 la seconda popolazione extracomunitaria più numerosa nella città di Milano è quella...

Crowdstrike: il bug del computer che sta impallando il mondo intero

All’albeggiare del 19 luglio, il popolo australiano si è svegliato e ha scoperto che molti dei computer di aziende...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI