lunedì 5 Giugno 2023

Non solo Iran: dove i diritti delle donne sono calpestati senza fare notizia

Da oltre tre settimane non cessano le proteste in Iran scaturite dalla morte di Mahsa Jina Amini, la donna curda arrestata perché indossava il velo in modo errato e per la cui morte è accusata la polizia morale di Teheran. Bene che se ne parli e che in tanti Paesi si svolgano manifestazioni di solidarietà. Tuttavia, ad una analisi giornalistica imparziale, è impossibile non notare la sproporzione tra l'attenzione mediatica data in Occidente a questo caso rispetto ad altri, né si può esimersi dall'annotare come i principali media siano sempre assai pronti a coprire le proteste che avvengono in ...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

1 commento

  1. “persino gli smartphone sono pensati per stare nel palmo della mano di un uomo”? Pensa te che io credevo fossero fatti per venderne il più possibile (e quindi per stare nelle mani di tutti…)!
    Secondo me in molti casi bisognerebbe stare sempre molto attenti a non farsi trascinare nell’isteria collettiva e nella propaganda, anche perché altrimenti si rischia di danneggiare più che favorire le istanze che si ritengono giuste (e che magari, ragionando a mente fredda su dove sta veramente il limite, lo sono pure).

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI