venerdì 2 Dicembre 2022

Indonesia: gravi scontri dopo una partita di calcio, almeno 174 i morti

In Indonesia, a Malang nella provincia di Giava Orientale, sabato sera si sono verificati gravi disordini che hanno provocato la morte di almeno 174 persone, a conclusione di un evento calcistico presso il Kanjuruhan Stadium: al termine della partita, infatti, migliaia di tifosi dell’Arema FC hanno preso d’assalto il campo di gioco dello stadio, inferociti per la sconfitta 3-2 della loro squadra contro i rivali di sempre del Persebaya Surabaya. Le forze di polizia hanno cercato di contenere i disordini attraverso il lancio di gas lacrimogeni: tuttavia, hanno solo peggiorato la situazione provocando ulteriore caos, scatenando il panico e la fuga disordinata dei presenti. Nella calca sono morte e rimaste ferite centinaia di persone, soffocate o calpestate dalla folla. L’operato della polizia è stato ampiamente criticato e il governo indonesiano, dopo essersi scusato per l’incidente, ha promesso di aprire un’indagine su quanto accaduto.

Ultime notizie

Mercato del carbonio, come le aziende riescono a inquinare gratis

Negli ultimi nove anni, le grandi aziende dell'UE in prima linea nel rilascio di gas serra e di sostanze...

San Francisco autorizza i robot di polizia a uccidere i sospetti

"Proteggere e servire", questo è il motto della polizia di Los Angeles che negli anni si è esteso alle...

Anche il Ghana si sgancia dal dominio del dollaro: pagherà le importazioni in oro

Il Ghana è in trattative con la Emirates National Oil Co. (ENOC) – la compagnia petrolifera di Dubai –...

Non solo glifosato: gli altri pesticidi non testati approvati in Europa

Il 30% di tutti i pesticidi autorizzati all'interno dell'Unione Europea è approvato "per estensione", ovverosia viene riapprovato senza una...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI