martedì 5 Marzo 2024

Indonesia: gravi scontri dopo una partita di calcio, almeno 174 i morti

In Indonesia, a Malang nella provincia di Giava Orientale, sabato sera si sono verificati gravi disordini che hanno provocato la morte di almeno 174 persone, a conclusione di un evento calcistico presso il Kanjuruhan Stadium: al termine della partita, infatti, migliaia di tifosi dell’Arema FC hanno preso d’assalto il campo di gioco dello stadio, inferociti per la sconfitta 3-2 della loro squadra contro i rivali di sempre del Persebaya Surabaya. Le forze di polizia hanno cercato di contenere i disordini attraverso il lancio di gas lacrimogeni: tuttavia, hanno solo peggiorato la situazione provocando ulteriore caos, scatenando il panico e la fuga disordinata dei presenti. Nella calca sono morte e rimaste ferite centinaia di persone, soffocate o calpestate dalla folla. L’operato della polizia è stato ampiamente criticato e il governo indonesiano, dopo essersi scusato per l’incidente, ha promesso di aprire un’indagine su quanto accaduto.

Ultime notizie

L’Italia produrrà navi da guerra insieme agli Emirati Arabi Uniti

Il colosso italiano della cantieristica navale Fincantieri collaborerà con EDGE Group, una holding degli Emirati Arabi Uniti specializzata nel...

L’Italia va alla guerra “difensiva” contro gli Houthi: la missione sarà votata in Parlamento

Domani in Parlamento, tanto nell'aula del Senato quanto in quella della Camera, verrà votata l'approvazione della missione europea Aspides...

Il Parlamento Europeo dà via libera definitivo all’identità digitale

Con 335 voti favorevoli e 190 contrari, il Parlamento europeo ha approvato il regolamento per l’EU Digital Identity Wallets,...

Il debito pubblico dell’Italia è in discesa e sta tornando in possesso delle famiglie

Dall’Istat arrivano dati inaspettati e in un certo senso sorprendenti per l’economia italiana: a dispetto di una narrazione martellante...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI