venerdì 2 Dicembre 2022

Le reazioni di mercati e governi esteri alla vittoria di Giorgia Meloni

Dopo la vittoria alle elezioni politiche del centrodestra, trainato dal partito di Giorgia Meloni, Fratelli d’Italia, non si sono fatte attendere le reazioni internazionali delle principali potenze e degli stati europei, lasciando trapelare differenti attese e speranze nei confronti di una forza politica che un tempo si presentava come “sovranista” ma che, negli ultimi mesi, ha cercato nei più vari modi di rassicurare la sponda euroatlantica circa la sua fedeltà all’Alleanza, all’Ue e ai valori democratici dell’Occidente. Il che ha provocato una scia d’ambiguità che non ha impedito però alle p...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

4 Commenti

  1. Visto che in politica estera ed economica si comporterà come Draghi (lo dice lei), alla Meloni per far contenti i suoi non resterà che limitare i diritti civili delle minoranze invise alla destra (gay e “diversi” in genere), sostenere lo stato di polizia introdotto grazie al COVID e cavalcare il “prima gli italiani”.
    Non ci aspetta un bel periodo, sono d’accordo con Altan.

  2. 11
    Voi pensate agli apostrofi, che sono importanti.. ma la storia contemporanea italiana è veramente interessante. Una leader, diciamo così, che senza promettere proprio a tutti, piace praticamente a tutti non è un evento strano e straordinario? Sovranista e draghiana, nazionalista e atlantista, populista che occhieggia alla finanza… Il vecchio conservatorismo dal volto nuovo (anche se parla romano stretto). Solo una Donna può farlo, e questo è l’unico dato certo.
    Voglio dire: quando il diavolo fa il bagno nell’acqua santa…E’ la fine del dualismo (in senso filosofico) o l’inizio della catastrofe?
    Per l’Italia può essere peggio di Draghi? Può svenderci di più?
    Altan (il fumettista) dice SI.

    • La disattenzione alla lingua scritta (probabilmente non è il caso di chi ha scritto l’articolo, in cui vedo quell’apostrofo più come un probabile refuso) va di pari passo all’impoverimento del pensiero e della capacità analitica che caratterizza il tempo che viviamo. Ci stiamo spostando verso un pensiero funzionante a codice binario, e le eccezioni sono sempre più rare. Riccardo

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI