lunedì 6 Febbraio 2023

Ex Ilva, lo stato si prepara a spendere altri soldi per tenere in vita le acciaierie

Il Governo va ancora una volta in soccorso finanziario dell’ex Ilva, ora Acciaierie d’Italia, per aiutarla a sopravvivere alla cronica crisi di liquidità. Sul tavolo del Consiglio dei ministri, nell’ambito del decreto Aiuti Bis, c’è una norma specifica per l’azienda dell’acciaio partecipata in minoranza dallo Stato attraverso Invitalia. Ad annunciarlo è stato il ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti La cifra non è ancora stata resa pubblica, ma sarebbe tra i 500 milioni e il miliardo di euro. Fondi pubblici che serviranno a mantenere in funzione le acciaierie di Taranto, per la chiusura delle quali da anni si battono comitati locali e cittadini costretti a convivere con un impianto il cui nesso con il tasso ampiamente sopra la media nazionale di melanomi e tumori che si registrano in città è evidente ed ormai provato ogni ragionevole dubbio.

Ultime notizie

Vaccini Covid: ora anche i ricercatori dell’ISS chiedono di rivalutare rischi e benefici

Tre ricercatori del Centro nazionale per il controllo e la valutazione dei farmaci, afferente all'Istituto Superiore della Sanità (ISS),...

La guerra in Ucraina logora chi (ufficialmente) non la fa?

Scriveva lo storico Fabrizio Maria Lo Monaco che “La diplomazia a volte conta più della politica” e, se questo...

L’ultima puntanta dei Twitter Files svela la bufala dei bot russi

«Era una truffa». Così nella quindicesima puntata dei Twitter Files, il giornalista indipendente Matt Taibbi ha smontato l’accusa di...

I portuali di Genova chiamano tutti a una grande manifestazione per la pace il 25 febbraio

I portuali del CALP (Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali) di Genova, da anni impegnati nel contrasto al traffico di armi...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI