domenica 4 Dicembre 2022

Lunedì 13 giugno

8.00 – Viminale, quorum non raggiunto: l’affluenza per il referendum sulla giustizia si è attestata al 20,9%.

9.40 – ISTAT, nel primo trimestre 2022 registrati 120.000 occupati in più rispetto al quarto trimestre 2021 (+0,5%) e 905.000 in più (+4,1%) rispetto all’anno precedente.

10.00 – Borse, lo spread raggiunge in Italia i 231,5 punti: i rendimenti al 3,85% sono i più alti dal 2014.

10:30 – Palermo: sono 200 le persone, tra presidenti di seggio e scrutinatori, segnalate alla Procura per via della defezione che ha bloccato per ore le operazioni di voto.

12.00 – Bitcoin crolla sotto i 24.000 dollari per la prima volta dal 2020.

12.20 – Macron: “la Francia è entrata in economia di guerra”.

13.30 – Frontex, nella prima metà del 2022 triplicati gli ingressi illegali in Unione Europea attraverso i Balcani.

15.50 – MISE, terminati i 170 milioni di incentivi per l’acquisto di auto con motore endotermico, ovvero a benzina, diesel e ibride.

16.40 – Sudan, scontri tribali provocano la morte di 117 persone e l’incendio di 14 villaggi.

17.00 – BCE, il consigliere di Palazzo Chigi Giavazzi: “alzare i tassi di interesse ora non risolverà l’inflazione”.

18.10 – Scuola, dietrofront del ministero: le mascherine agli esami di maturità e di terza media saranno soltanto raccomandate e non obbligatorie.

Ultime notizie

La lotta dei genitori di Beatrice contro una scuola che ancora esclude i disabili

Una nuova petizione apparsa su Change.org ha dato luce a un’ingiustizia che caratterizza le scuole italiane e riguarda gli...

Come funziona, realmente, il sistema di potere in Cina

Tutti quanti sappiamo che la Cina è una potenza con la quale fare i conti e che sta prendendo...

L’Italia nazionalizza la raffineria russa Lukoil per salvarsi dalle sanzioni

La raffineria Isab di Priolo, di proprietà della compagnia russa Lukoil, è stata nazionalizzata dal Governo guidato da Giorgia...

Stupro come strategia dell’esercito russo: l’inviata ONU ammette la fakenews

Un elemento comune alla propaganda bellica che si ripete con lo stesso identico schema dall’Iraq alla Libia, dalla Siria...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI