sabato 25 Maggio 2024

Ucraina, Coldiretti: stangata da 8,1 miliardi sulla tavola degli italiani

L’aumento dei prezzi scatenato dalla guerra in Ucraina costerà una stangata da oltre 8,1 miliardi di euro alle famiglie italiane soltanto per la spesa alimentare dell’anno in corso. È quanto afferma Coldiretti in seguito all’indagine sugli effetti dei rincari nel carrello, in base ai dati Istat e ai consumi degli italiani e dell’andamento dell’inflazione nei primi cinque mesi dell’anno.

Secondo l’analisi, i maggiori aumenti verranno registrati per la verdura, che in totale costerà 1,95 miliardi in più; seguono pane, pasta e riso (+1,48 miliardi), carne e salumi (+1,35 miliardi) e frutta (+0,7 miliardi). L’aumento dei prezzi quindi colpisce i prodotti base della dieta degli italiani, aggravando soprattutto le condizioni dei più deboli e creando nuovi poveri: piccoli commercianti che hanno dovuto chiudere, persone che non godono di aiuti pubblici e lavoratori che sono stati bloccati o danneggiati, in seguito alle limitazioni adottate dal governo durante la pandemia.

Ultime notizie

Una nuova ricerca ha svelato come il cervello riesce a riconoscere le emozioni

Che una persona sia triste, arrabbiata, felice o sorpresa, nel cervello c’è un vero e proprio circuito che permette...

Corte Internazionale di Giustizia: “Stop alle operazioni a Rafah, Israele non tutela i civili”

La Corte internazionale di giustizia si è espressa sulle richieste urgenti avanzate dal Sudafrica la scorsa settimana, ovvero di...

Puglia: per iscriversi a scuola servirà mostrare il certificato di vaccino anti-HPV

Il Consiglio regionale della Puglia ha dato all’unanimità il semaforo verde alla legge per l’aumento della copertura vaccinale anti...

Violenza, abusi e speculazione: l’eredità coloniale francese nelle regioni d’oltremare

Da giorni la Nuova Caledonia è scossa da violente proteste che hanno portato a sei vittime, numerosi feriti e...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI