martedì 18 Giugno 2024

Regno Unito, confermata la fiducia a Johnson

Erano necessari 180 consensi per sfiduciare il primo ministro Boris Johnson. I voti dei conservatori, il suo partito, a favore della mozione di sfiducia si sono fermati a 148, segnando comunque una spaccatura che indebolisce l’esecutivo britannico. Nelle ore precedenti al voto, si è dimesso il membro del governo dell’ufficio di gabinetto per anticorruzione John Penrose. La mozione di sfiducia era stata proposta da una parte del gruppo di maggioranza in seguito allo scandalo partygate, le feste a Downing Street durante il lockdown a cui Johnson ha partecipato.

Ultime notizie

Oltre cento cittadini hanno portato in tribunale il Ponte sullo Stretto di Messina

Le proteste contro il Ponte sullo Stretto procedono, e si estendono al campo legale. Giovedì 13 giugno, un gruppo...

In Valsusa lo abbiamo capito: la Tav, come la mafia, è una montagna di m…

Domenica 16 giugno 2024, manifestazione a Susa. Il corteo, partendo dal centro della città, prevedeva di proseguire verso la...

Come gli USA si stanno auto condannando alla de-dollarizzazione globale

Ormai da un po’ di tempo si parla di de-dollarizzazione dell’economia mondiale, ossia al processo graduale di riduzione dell’utilizzo...

Per una volta no, Biden non si è distratto al G7: il video è stato manipolato

Qualche giorno fa è diventato virale un breve video in cui si vede il presidente americano Joe Biden allontanarsi,...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI