martedì 18 Giugno 2024

Unicef: i paesi più ricchi stanno distruggendo l’ambiente a livello globale

“Il consumo eccessivo nei paesi più ricchi del mondo sta distruggendo l’ambiente dei bambini a livello globale”: è quanto comunica l’Unicef tramite una nota, nella quale viene appunto sottolineato che secondo un rapporto pubblicato dall’Unicef Office of Research – Innocenti  la maggior parte dei paesi ricchi stia creando condizioni malsane, pericolose e nocive per i bambini di tutto il mondo. Il report in questione si è concentrato sul modo in cui39 paesi dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) e dell’Unione Europea (UE) se la cavano nel fornire ambienti sani ai bambini” e da esso è emerso che “se tutti nel mondo consumassero risorse al ritmo in cui lo fanno le persone nei paesi dell’OCSE e dell’UE” sarebbe necessario l’equivalente di “3,3 pianeti Terra per mantenere i livelli di consumo”.

Ultime notizie

Lo Stato del Maryland ha annullato oltre 175mila condanne per cannabis

Con un ordine esecutivo firmato nella mattinata di ieri, 17 giugno, il governatore dello stato americano del Maryland, Wes...

L’Italia finanzia la guerra israeliana acquistando i missili utilizzati a Gaza

Cinque minuti netti: tanto il tempo che la Commissione Difesa della Camera dei Deputati ha impiegato per dibattere sullo...

Italia: diecimila firme in Parlamento contro gli esperimenti di “cloud seeding”

Il Comitato Nazionale Moratoria Geoingegneria ha depositato più di 10mila firme per una petizione che chiede che venga vietato...

Pagava paramilitari in cambio di protezione: Chiquita condannata a risarcire i colombiani

Dopo un processo durato 17 anni, con una sentenza storica, una giurida dello Stato della Florida ha costretto Chiquita...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI