domenica 3 Luglio 2022

Cure Covid: tutto quello che sappiamo a due anni dall’inizio della pandemia

Un tema legato al Covid-19 che nei due anni pandemici non è mai stato affrontato in maniera approfondita da parte dei media è senza dubbio quello delle cure domiciliari precoci: infatti, mentre durante l'emergenza sanitaria la stampa nazionale presentava i vaccini come l'unica soluzione, in Italia diversi medici si occupavano di curare i pazienti fin dai primi sintomi. In tal senso non si può non citare il "Comitato Cure Domiciliari Covid", un gruppo di medici che, non seguendo alla lettera le indicazioni governative, è riuscito ad aiutare svariati pazienti. Dall'inizio della pandemia infatti ...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

5 Commenti

  1. Finalmente un po’ di verita’. Verita’ su terapie poco costose, senza brevetto, efficaci. Verita’ sull’insabbiamento di queste perpetrato dalle autorita’ sanitario-politiche di casa nostra. Riapertura, alla luce di tali verita’, sulla reale necessita’ di vaccinare “a forza” la popolazione per una patologia di cui va ridimensionata, alla luce delle terapie domiciliari, la gravita’: forse e’ ora, come per molte altre patologie, di ritornare a rispettare il diritto di ogni cittadino di decidere della propria salute, di sapere valutare per ogni singola persona il rapporto rischio-beneficio della profilassi proposta (imposta), di differenziare quello che poteva essere un primo approccio d’urgenza di due anni orsono da quella che e’ la situazione attuale, di prendere invece atto che se la malattia e’ ora meno grave e meglio curabile sempre piu’ evidenti sono invece gli effetti collaterali dei vaccini a materiale genetico proposti (imposti) alla popolazione…e’ tempo di riflettere per prepararsi all’autunno, quando “lor signori” ritorneranno alla carica…

  2. Complimenti per l’articolo nel quale leggo che… il “Comitato Cure Domiciliari Covid”, un gruppo di medici che, non seguendo alla lettera le indicazioni governative, è riuscito ad aiutare svariati pazienti… e ritengo che sarebbe importante riuscire a quantificare il termine SVARIATI, per sapere se si è trattato decine, centinaia o migliaia o decine di migliaia di pazienti guariti, come probabilmente, in clima di censura, è avvenuto.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI