giovedì 19 Maggio 2022

La Francia mette nel mirino l’obsolescenza programmata con una nuova etichetta

La Francia introduce per legge “l’indice di riparabilità” sulle etichette dei prodotti elettronici: una serie di informazioni che renderanno note al consumatore le possibilità di smontare, riparare e trovare i pezzi di ricambio di quanto si appresta ad acquistare. Un tentativo per contrastare una delle principali cause dell’eccessivo consumo di risorse e produzione di rifiuti elettronici: l’obsolescenza programmata. Si tratta del fenomeno per cui diversi apparecchi sono destinati a guastarsi in tempi prestabiliti dalle aziende produttrici.

L’indice di riparabilità è entrato in vigore nel gennaio del 2021, ma riguardava soltanto smartphone, televisori, lavatrici a oblò e tosaerba. Oggi, la Francia ha deciso di inserire sei nuove categorie merceologiche: lavatrici a carica dall’alto, lavastoviglie, robot aspirapolvere, idropulitrici cablate e non e ad alta pressione. Nello specifico, questa etichetta obbligatoria riporterà un voto da 1 a 10 calcolato su una griglia di cinque voci: documentazione (punteggio determinato dall’impegno del produttore a rendere disponibili gratuitamente i documenti tecnici per un certo numero di anni a riparatori e consumatori); facilità di smontaggio (punteggio determinato dalla facilità di smontaggio del prodotto, dal tipo di attrezzi richiesti e dalle caratteristiche degli elementi di fissaggio); disponibilità dei pezzi di ricambio (viene attribuito un voto sulla base dell’impegno del produttore a rendere disponibili per un tot di anni i pezzi di ricambio e il tempo della loro consegna); prezzo dei pezzi di ricambio (il punteggio determinato dal rapporto tra il prezzo di vendita dei pezzi di ricambio e il prezzo del prodotto); criteri specifici legati alla categoria del prodotto con un punteggio calcolato da sottocriteri specifici per la categoria di prodotto interessata (per i computer portatili viene valutato l’aggiornamento software, per le lavatrici il servizio di assistenza). Il punteggio finale dell’indice di riparabilità, che può arrivare fino a 10, si ottiene facendo la media dei punteggi dei vari criteri.

Il provvedimento rientra nella legge anti-spreco per un’economia circolare e si tratta di un’ iniziativa messa in atto dal governo francese per ridurre gli sprechi, non solo modificando le pratiche dei produttori, ma anche rendendo più consapevoli i consumatori orientandoli verso l’acquisto di prodotti che possano essere aggiustati più facilmente, e incoraggiandoli a ricorrere alla riparazione, piuttosto che a un nuovo acquisto, in caso di guasto. Per supportare al meglio l’introduzione dell’indice di riparabilità, il Ministero della Transizione Ecologica ha messo a disposizione i documenti necessari per il suo calcolo e la sua visualizzazione.

[di Eugenia Greco]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI