lunedì 23 Maggio 2022

Maremma, tre aziende sotto accusa per sfruttamento braccianti

Tre aziende agricole della Maremma avrebbero sfruttato centinaia di braccianti impiegati in nero, di provenienza sia italiana che straniera. È quanto rivelato da un’inchiesta della Guardia di Finanza, che ha portato alla luce le “opprimenti condizioni di lavoro” dei braccianti. Questi sarebbero stati sottoposti a turni di 15-16 ore al giorno con una retribuzione di appena 2,50 euro l’ora, in un contesto lavorativo nel quale subivano continue minacce di licenziamento e aggressioni verbali. I responsabili delle tre aziende sono stati denunciati per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

Ultime notizie

Il Consiglio d’Europa si muove contro l’estradizione di Assange

L'estradizione negli Stati Uniti di Julian Assange non dovrebbe essere autorizzata a causa dell'impatto che tale decisione avrebbe sui...

Truppe, armi e basi americane in Italia: una mappa difficile da ricostruire

In occasione del recente viaggio del presidente del Consiglio, Mario Draghi, negli Stati Uniti, tra le varie personalità incontrate...

Recensioni indipendenti: Tekoşer, il partigiano Orso (documentario)

Un documentario biografico di 41 minuti, diretto e montato da Dario Salvetti, esponente del Collettivo Di Fabbrica - Lavoratori...

Se la crème dei giornalisti appartiene ad una élite economica e sociale

Per chi non viene da situazioni privilegiate, l’accesso al mondo del giornalismo di livello elevato è difficile. Secondo uno...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI