giovedì 19 Maggio 2022

Quanto guadagnano i politici italiani? Pubblicate le dichiarazioni dei redditi

Nei giorni scorsi sono state pubblicate le dichiarazioni dei redditi dei ministri, senatori e deputati italiani. Si tratta della documentazione patrimoniale presentata nel 2021 e quindi risalente alle entrate del 2020, consultabili sulle pagine personali di ciascun politico.
Tra i leader di partito spicca il reddito del segretario del PD Enrico Letta che, con 621.818 euro dichiarati, primeggia sui suoi colleghi. Completano il podio il leader di Italia Viva Matteo Renzi, con entrate pari a 571.391 euro, e Giorgia Meloni. La guida di Fratelli d’Italia ha infatti dichiarato nel 2021 un reddito di 134.206 euro.

Più staccati, invece, i leader di Leu, Sinistra Italiana e Lega che hanno presentato una documentazione patrimoniale simile. Il reddito di Roberto Speranza ammonta infatti a 107. 842 euro (+27.000 rispetto alla dichiarazione del 2020), Nicola Fratoianni dichiara entrate pari a 101.800 euro e Matteo Salvini chiude la classifica con il reddito più basso fra le guide di partito: 99.699 euro.

A Palazzo Madama la musica cambia e i primi tre in questa speciale classifica dichiarano redditi a 6 zeri. La terza posizione viene conquistata dal senatore a vita Renzo Piano, che nel 2021 ha dichiarato un reddito di 1 milione e 860 mila euro. Occupa la seconda posizione Giulia Bongiorno, avvocato e senatrice della Lega, con entrate pari a 2 milioni e 402 mila euro. Dichiarando un reddito di 2 milioni e 689 mila euro, l’avvocato di Silvio Berlusconi e senatore di Forza Italia, Niccolò Ghedini, conquista il primo posto dopo aver sfiorato i 3 milioni di euro di entrate nel 2019. Secondo le stime di Openpolis, farebbero parte del patrimonio di Ghedini 22 immobili, 5 terreni e diverse azioni in varie società. A primeggiare su tutti è lo stesso Berlusconi, ormai lontano dai confini romani e approdato a Bruxelles nel 2019 come europarlamentare, che ha dichiarato un imponibile di oltre 50 milioni di euro, fra azioni, immobili e imbarcazioni di lusso.

L’attuale Presidente del Consiglio dei ministri, Mario Draghi, ha presentato invece un reddito di 527.319 euro (56.000 in meno rispetto alla dichiarazione precedente), forte di 16 immobili, tra cui un appartamento a Londra e diverse proprietà fra Roma, Anzio, Stra (Venezia) e Città della Pieve (Perugia). A questi si aggiungono 10 mila azioni della società semplice Serena. Tra i ministri del Governo Draghi spicca infine Renato Brunetta, a capo della Pubblica Amministrazione, che nel 2021 ha dichiarato entrate complessive pari a 206.996 euro.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

3 Commenti

  1. Pagati a peso d oro e governano come peggio non si può fare , dediti solo al denaro , bugiardi ,traditori e torturatori di cittadini e lavoratori onesti , spero la giustizia faccia il suo corso e chi deve pagare questo scempio paghi senza sconto .
    Amen

    • A volte mi chiedo se ci meritiamo tutto questo,e se si dove abbiamo sbagliato.
      Abbiamo un Italia spaccata divisa ,una iperproduttiva,civilizzata l’altra abbandonata a se stessa dove fatica a espandersi il concetto dell’ essere cittadini ,ancora ci si considera sudditi.
      Nell’ una i servizi bene o male.vanno , nell’ altra soprattutto in Calabria si é abbandonati a se stessi e la gente emigra,non si riesce più di tanto a venire a capo dei problemi.
      Abbiamo intere zone che per povertà non sono degne di un Paese civile , politici che rubano associati con la ndrangheta e con la massoneria fin dagli anni 70 che a sua volta é impelagata con interi pezzi dello stato . Nel frangente la gente muore di fame, e il cittadino onesto muore ogni giorno . É solamente uno sfogo di un trent’enne disilluso da questo Pseudo Paese . Ma ormai il dilemma non é più sud /nord é l’Italia che non va.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI