mercoledì 7 Dicembre 2022

Le regole sul Green Pass stanno impendendo a migliaia di ragazzi di fare sport

Con le ultime disposizioni del Governo a partire dal 10 gennaio 2022 è stato fatto divieto a tutti coloro che abbiano più di 12 anni e siano sprovvisti di super Green Pass di accedere alla maggior parte degli impianti sportivi e ricreativi, sia all’aperto che al chiuso. Si è precluso in questo modo l’accesso alle attività sportive di una grossa fetta della popolazione giovanile, una delle fasce che più di tutte ha risentito degli effetti psicofisici della pandemia, con il rischio di esacerbarne ulteriormente gli effetti negativi. Ciò è avvenuto nonostante la preoccupazione per il disagio giovanile e l’importanza dell’attività fisica durante la pandemia da Covid-19 sia stato oggetto di costante preoccupazione da parte di numerose istituzioni, sia pubbliche che private.

Gli studi sugli effetti della pandemia sui giovani e gli adolescenti si sono moltiplicati in tutta Europa negli ultimi due anni ed il quadro che ne emerge è sostanzialmente coerente: esiste una situazione di “malessere generalizzato” diffuso a causa delle misure restrittive che hanno costretto i ragazzi al confinamento sociale e ad una sostanziale riduzione dell’attività fisica e di socializzazione. Le conseguenze sono evidenti sentimenti diffusi di ansia, tristezza e disagio, ai quali l’impossibilità di praticare attività fisica aggiunge maggiori livelli di irascibilità e apatia.

In un contesto simile sono molte le istituzioni che hanno ricordato l’importanza rivestita dalla pratica dello sport in particolare per la fascia di popolazione più giovane: lo stesso Parlamento Europeo, in una risoluzione adottata il 10 febbraio 2021, sottolineava come “lo sport e l’esercizio fisico sono particolarmente importanti nelle circostanze dettate dalla pandemia, in quanto rafforzano la resilienza fisica e mentale […] (il Parlamento) è preoccupato per la mancanza di attività fisica osservata tra i molto giovani durante il confinamento e le possibili conseguenze per la salute pubblica”.

Con le ultime misure adottate dal Governo, tuttavia, viene previsto l’obbligo di super Green Pass non solo per accedere alle competizioni e agli eventi sportivi, ma anche per poter frequentare impianti sportivi e piscine. L’obbligo si applica a una fascia di popolazione estremamente ampia, comprendendo tutti coloro che abbiano più di 12 anni, con evidenti ricadute molto differenti su soggetti di età diverse. In particolare il benessere psico-fisico dei giovani e degli adolescenti tra i 12 e i 19 anni rischia di essere fortemente compromesso, dal momento che in molti si troveranno a non poter svolgere regolare attività sportiva.

La pratica sportiva rappresenta per queste fasce d’età una tappa fondamentale per il corretto sviluppo sia fisico che sociale, dal momento che costituisce un’occasione di integrazione e scambio. Come ha ricordato Valentina Vezzali, Sottosegretaria di Stato con delega allo sport, “Gli allenatori, al pari degli insegnanti, hanno funzioni educative”, aggiungendo che questi “assolvono non solo la funzione di promozione della salute e del benessere, ma anche quella ricreativa, inclusiva, relazionale e di occasione di realizzazione della propria personalità. Lo sport è il luogo dove i bambini sperimentano e imparano valori importanti quali ad esempio il rispetto”. Alle sue affermazioni fanno eco quelle dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza Carla Garlatti, che ricorda come il diritto al gioco, alla socialità e all’educazione costituiscano “elementi essenziali per la vita e l’armonico sviluppo dei minorenni“.

Secondo quanto riferito da Dino Ponchio, presidente del Coni Veneto, nelle fasce d’età tra i 12 e i 18 anni si è registrato un calo delle attività sportive di base che si aggira tra il 15 e il 18% a seconda delle discipline prese in considerazione. Si tratta di dati associati alle normative sull’utilizzo del Green Pass che non andrebbero affatto sottovalutati.

Sono numerose le associazioni che protestano contro le misure adottate dall’ultimo decreto, come nel caso di 10 società sportive del cesenate e del forlivese che si sono opposte a quelle che definiscono “discriminazioni tra ragazzi” messe in atto “in questa cervellotica attuazione di protocolli incomprensibili che spaventano, disorientano, ghettizzano” e che rischiano di costituire un esempio “diseducativo e pericoloso”.

Affermare che la prevenzione del disagio giovanile debba costituire un elemento centrale nelle politiche governative suona quasi lapalissiano. Tuttavia, stando agli ultimi provvedimenti adottati dal Governo, forse è bene riportare la questione all’attenzione di tutti.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

8 Commenti

  1. Qualche segno di vita dal settore delle scuole d’arte? Scuole di danza, canto, teatro, pittura, eccetera, per ragazzi… anch’esse svolgono le funzioni educative e socializzanti dello sport. Anche gli artisti dovrebbero essere promotori di coscienza sociale, cultura della libertà e dell’integrazione! Certo sono esistiti artisti come Leni Riefenstahl, vogliamo essere ricordati così? Un settore (lo dico perché ci lavoro) in cui molti, moltissimi sono consci delle distorsioni della narrazione in atto, eppure solo pochissimi hanno il coraggio di rifiutare apertamente le regole imposte e persino la discriminazione nei confronti dei ragazzini. Mi piacerebbe un articolo che portasse l’attenzione sul settore, sostenendo magari i pochi esempi di artisti o organizzatori che hanno osato esporsi.

  2. Sono certo che un ripensamento sulla normativa adottata sia non solo auspicabile, ma necessaria. Come maestro in pensione conosco bene l’importanza della “socializzazione” nella fascia dell’età scolare e non solo…Ci possono essere rischi di contagio ? Certamente ci sono e spingono molte realtà Associative a una prudenza, anche eccessiva. Ma credo che un ripensamento equilibrato sia necessario.

  3. Sempre peggio, ma il peggio è che chi dovrebbe, non si oppone. Alcune società del basso alessandrino, so che si sono subito allineate a questa misura, in quanto la paura di una sanzione o di denuncia, è piu grande del rispetto verso i diritto di tutti di esser liberi, e degni di poter scegliere se volere o no, praticare un attività sportiva. Qui si vieta di praticare sport a ragazzi che sono già sani ed hanno già affrontato delle perizie mediche con tanto di responso ontologico degli stessi professionisti che li hanno visitati, ma da oggi, tutto ciò non basta più..bisogna inocular loro anche i sieri al grafene, perchè cosi facendo si accerteranno di aver in mano la vita di questi giovani ragazzi… VERGOGNOSO.. ma chi si allinea, ora si dovrà ritenere complice!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI