martedì 27 Settembre 2022

Haiti, assassinio Moise: probabili legami con il traffico di droga

Il presidente di Haiti Jovenel Moise potrebbe essere stato assassinato per aver cercato di denunciare al governo americano alcuni politici e uomini d’affari legati al traffico di droga. Lo rivela un’inchiesta portata avanti in questi mesi dal NY Times. Moise, assassinato la notte del 7 luglio nella propria casa, avrebbe infatti chiesto a funzionari del suo governo di stilare una lista nera di personaggi legati al mercato della droga, tra i quali figuravano anche suoi ex sostenitori. Le indagini ufficiali sul suo omicidio non hanno avuto sino ad ora sviluppi significativi. Haiti si trova al momento in una situazione complessa, con la corruzione diffusa al punto di rendere difficile per le forze dell’ordine statunitensi agire in aiuto di coloro che tentano di contrastarla.

Ultime notizie

In Iran non si fermano le proteste contro il governo

Ad oltre dieci giorni dal loro inizio non si fermano le proteste infuriate in Iran dopo la morte di...

Parigi, attivisti per il clima occupano l’aeroporto per bloccare i jet privati

Bloccare l'uso e l'abuso dei jet privati contrastandone fisicamente la partenza, se necessario. Perché «i crimini climatici degli ultra...

CGIA avverte: il nuovo governo dovrà trovare 40 miliardi nei primi 100 giorni

Il nuovo governo che si insedierà a Palazzo Chigi avrà in eredità i provvedimenti introdotti dal Governo Draghi che...

Basta massacri di canguri: la protesta contro i marchi della moda alla Fashion Week

In occasione della Milano Fashion Week c'è chi ha voluto ricordarne il lato oscuro ponendo il focus sull'ipocrisia italiana...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI