sabato 27 Novembre 2021

Corte europea diritti umani condanna Turchia per detenzione di 427 magistrati

La Corte europea dei diritti umani di Strasburgo ha condannato la Turchia per la detenzione preventiva di 427 magistrati, attuata in seguito al fallito colpo di stato del 2016. Ad ognuno di essi Ankara dovrà versare 5mila euro per danni morali. Tale decisione deriva dal fatto che, secondo la Corte, tutti i magistrati sono stati arrestati e detenuti in base alla legge ordinaria turca: essa prevede che si possa procedere in tal modo quando un individuo è colto in flagranza di reato, ma proprio quest’ultimo concetto è stato utilizzato – sostengono i togati di Strasburgo – in modo troppo ampio, che non può essere considerato coerente rispetto a quanto prescritto dalla Convenzione europea dei diritti umani.

Ultime notizie

“Non opprimeremo i palestinesi”: i giovani israeliani che rifiutano il servizio militare

Shahar Perets ed Eran Aviv sono due giovani israeliani di 19 anni e da mesi rifiutano di arruolarsi tra...

Non solo CO2: i “dimenticati” della crisi ambientale

Volendo risalire alle cause del riscaldamento globale, o del più ampio cambiamento climatico, ormai sappiamo bene su chi puntare...

L’analfabeta e il poeta

Forse aveva ragione Hans M. Enzensberger quando affermava nell’Elogio dell’analfabetismo (1988) che “sono stati gli analfabeti a inventare la...

Femminicidi e revenge porn in Italia continuano ad aumentare

I reati di femminicidio e revenge porn sono in aumento in Italia. Stando ai dati riportati dal Viminale, su...