domenica 5 Febbraio 2023

Sudan, siglato accordo: primo ministro reintegrato

Nella giornata di ieri l’alto generale sudanese al-Burhan ha firmato un accordo con il primo ministro Hamdok che ne permette la reintegrazione e il ripristino della transizione al governo civile, sotto la supervisione dei militari. L’accordo prevede anche la liberazione di tutti i prigionieri politici e stabilisce che una dichiarazione costituzionale del 2019 sia la base della transizione politica. Diversi gruppi pro-democrazia non hanno riconosciuto la legittimità dell’accordo e chiedono che gli autori del colpo di Stato siano processati, definendo Hamdok ancora un “ostaggio” dei militari. La comunità internazionale ha fortemente criticato il colpo di stato, che ha portato a proteste di massa in tutto il Paese, durante le quali almeno 15 persone sono morte.

Ultime notizie

L’ultima puntanta dei Twitter Files svela la bufala dei bot russi

«Era una truffa». Così nella quindicesima puntata dei Twitter Files, il giornalista indipendente Matt Taibbi ha smontato l’accusa di...

I portuali di Genova chiamano tutti a una grande manifestazione per la pace il 25 febbraio

I portuali del CALP (Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali) di Genova, da anni impegnati nel contrasto al traffico di armi...

L’ennesimo suicidio in Università e il sistema spietato dell’istruzione di “eccellenza”

Il primo gennaio una studentessa di quasi 20 anni che frequentava il primo anno della facoltà di Arti e...

Il fondo americano KKR vuole acquisire Tim: sul tavolo 20 miliardi

Il fondo di investimento americano KKR, Kohlberg Kravis Roberts, ha recapitato una proposta d’acquisto non vincolante presso il cda...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI