giovedì 11 Agosto 2022

Sudan, siglato accordo: primo ministro reintegrato

Nella giornata di ieri l’alto generale sudanese al-Burhan ha firmato un accordo con il primo ministro Hamdok che ne permette la reintegrazione e il ripristino della transizione al governo civile, sotto la supervisione dei militari. L’accordo prevede anche la liberazione di tutti i prigionieri politici e stabilisce che una dichiarazione costituzionale del 2019 sia la base della transizione politica. Diversi gruppi pro-democrazia non hanno riconosciuto la legittimità dell’accordo e chiedono che gli autori del colpo di Stato siano processati, definendo Hamdok ancora un “ostaggio” dei militari. La comunità internazionale ha fortemente criticato il colpo di stato, che ha portato a proteste di massa in tutto il Paese, durante le quali almeno 15 persone sono morte.

Ultime notizie

Medici sempre reperibili: che significa il nuovo provvedimento del Governo?

È entrato in vigore un provvedimento importante in ambito sanitario, che obbliga tutte le Regioni italiane a dotarsi di...

Roma: 100.000 firme per salvare gli animali dalla Sfattoria dall’abbattimento

L'Unità Operativa (UOC) Sanità Animale, parte dell'area dedita del Dipartimento di Prevenzione ASL Roma 1 ha disposto l'abbattimento immediato...

La Cina vuole “leggere la mente” per censurare la pornografia

Captare le onde cerebrali per intercettare tutto ciò che è considerabile pornografia, questa è l’idea su cui si poggia...

È un omicidio a rallentatore: parlano i familiari di Julian Assange

«Porre fine allo slow-motion murder», ovvero all'omicidio al rallentatore. È con queste parole che la famiglia di Julian Assange...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI