venerdì 1 Luglio 2022

Taiwan: cosa sta succedendo nel teatro principe dello scontro tra Usa e Cina

Che l’isola di Taiwan fosse soggetta a situazioni politiche contorte era cosa nota, tuttavia nelle ultimissime settimane il clima sembra si sia scaldato velocemente, con Stati Uniti e Cina che hanno intensificato toni e frequenza delle dichiarazioni ideologiche, delle esercitazioni militari e delle minacce amministrative riguardanti questa particolare area geografica.

Per capire i motivi di una simile escalation è necessario prendere atto di un presupposto essenziale: tecnicamente Taiwan non esiste. Quando si parla di Taiwan, si parla in verità della Repubblica di Cina (ROC), ovvero uno Stato non riconosciuto dalla Cina continentale, ma neanche dai membri permanenti dell’ONU o dall’Unione Europea. Gli USA, almeno formalmente, non riconoscono la sovranità di Taiwan.

Una situazione già di per sé complessa che negli ultimi mesi è stata acuita dalle rivoluzioni politiche di Hong Kong, storico baluardo dell’Occidente reclamato da Beijing, dalla gestione dell’uscita militare dall’Afghanistan, la quale è stata facilmente inquadrata come la dimostrazione empirica dell’inaffidabilità statunitense, e dall’aumento delle tensioni militari nell’Indo-Pacifico. Le veloci e frequenti evoluzioni del panorama geopolitico stanno portando dunque Taipei, sostenuta da Washington, e la Cina a rimettere in discussione lo status dell’isola.

In tal senso, di recente ha fatto clamore l’eclatante dimostrazione di forza ordinata dall’Amministrazione Xi Jinping in occasione dell’anniversario della fondazione della Repubblica Popolare Cinese: 149 jet militari si sono lanciati in reiterate incursioni aeree nella zona di difesa aerea di Taiwan. La strategia, chiaramente coercitiva, è stata dunque seguita da una proposta diplomatica, con Beijing che ha suggerito alla Repubblica di formalizzare i rapporti sotto il format del “una nazione, due sistemi”, ovvero l’impalcatura amministrativa che viene applicata anche a Hong Kong. L’Ufficio presidenziale di Taipei ha bruscamente rifiutato l’offerta.

In tutto questo gli USA non sono certo rimasti inermi a guardare, piuttosto stanno portando avanti da tempo delle manovre militari e strategiche che per delicatezza diplomatica sono assolutamente comparabili a quelle della controparte cinese, seppur non vengano reclamizzate con altrettanta enfasi. La cosa è evidente quando gli statunitensi organizzano operazioni di «routine» per cui navi da guerra vengono dispiegate nelle acque dell’area, tuttavia l’ingerenza semiocculta è decisamente più vasta e capillare.

Ecco dunque che la Casa Bianca ha venduto a Tawian equipaggiamento militare per 5 miliardi di dollari nel solo 2020, evidenziando una tendenza bellico-strategica che peraltro non si è arrestata neppure con l’avvento di Joe Biden al potere. Parallelamente è inoltre emerso che Taipei stia già ospitando truppe speciali degli USA, dimostrando un’accoglienza mirata all’addestramento del proprio esercito.

Ambo le parti, insomma, stanno facendo il possibile per non abbassare i toni dello scontro diplomatico. Non resta che consolarsi del fatto che, almeno per ora, non sembra che sussistano i presupposti di una guerra vera e propria, anche perché i piani di sbarco previsti dalla Cina dovrebbero essere pronti solamente nel giro di tre anni. Biden ha inoltre dichiarato di aver trovato un punto d’accordo con l’omologo cinese. Un patto che tuttavia non risulta formalizzato e che somiglia più che altro a un patto tra “gentiluomini” affinché nessuno oltrepassi la proverbiale linea rossa in questo gioco di guerra.

[di Walter Ferri]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

1 commento

  1. Una cosa non capisco, ma capisco molto bene: quanto sia lurido il capitalismo americano messo in atto da Amazon per accumulare denaro sudicio di imbrogli. Ecco due esempi:
    1. Caso: Amazon offre, pubblicandone la foto, una sedia girevole per ufficio in pelle al prezzo di 139,00 EUR. Prenoto l’ articolo e dopo due settimanemi perviene uno scatolone con tanto di scritte “Made in China” speditomi da una ditta cinese con sede in Germania che si occupa della vendita di accessori per cicolomotori e biciclette. Apro il pacco e cerco di montare la sedImpossibile. Della pelle naturale neanche la minima idea. Non credo ai miei occhi e volendo andare al sicuro affido il montaggio ad un artigiano locale, cioè del mio Comune di residenza in Germania. Da pacco risalgo alla ditta cinee operante in Germania e le invio via e-mail 9 foto a colori, formato 10/15, della porcheria cinese accompagnate da una relazione illustrativa con la preghiera di cortese risposta. Nenche per idea. Rinnovo la preghiera di cortese risposta alla ditta cinese in Germania minacciando il ricorso a canali diplomatici: silentium est aurum. Rivolgersi a quella fogna di Amazon è un’ avventura. Ti saltano i nervi in aria. Mi rassegno come un cornuto volontario.
    2. Caso. Amazon offre una sedia per ufficio che dalla fotto mi convince. Pelle nera, seduta anatomica: prezzo 209 EUR. Prenoto la sedia che puntualmente arriva dopo due settimane ben impacchettata e con tanta di scritta: Made in China. Monto il gioiello e subito mi rendo conto di sedere su una tavola di legno. Rabbia, imprecazioni e nervi a pezzi. Nell’ offerta dellle due sedie non è che quella fogna di Amazon ti fa sapere che dei prodotti prenotati si tratta di prodotti cinesi. Ergo . . . ti trovi di fronte ad un baro Made U.S.A. dei più sporchi che ti può capitare. Così la Cina è passata dall’ oppio a grande potenza mondiale dopo averci donato una pandemia dalla quale difficile sarà per l’ umanità venirne fuori. U.S.A., alias liberatore dell’ Italia dal Fascismo, e Cina: carogne accomunate dallo stesso DNA: lo sporco capitalismo, rispettivamente vestito di democrazia e di violenza di stato.
    Ma la mia reazione alla storia delle due sedie d’ ufficio deve ancora incominciare.
    Un “cordialiter” salla Germania,
    nicolo piro

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI