venerdì 19 Luglio 2024

Liberata Ikram Nazih, la studentessa accusata di blasfemia

Confermata la liberazione della studentessa Ikram Nazih, ventitreenne italiana di origine marocchine. Lo ha fatto sapere ieri il sottosegretario degli Affari europei Enzo Amendola, che si trovava in Marocco proprio per l’udienza. La studentessa era in carcere da ben due mesi; arrestata non appena arrivata nell’aeroporto di Casablanca, Ikram Nazih, nata a Vimercate, potrà finalmente tornare in Italia. La Corte d’Appello di Marrakech ha infatti disposto l’ annullamento del processo, cancellando la condanna a 3 anni e mezzo e il pagamento della multa.

Ultime notizie

Corte Internazionale di Giustizia: gl insediamenti israeliani in Palestina sono illegali

La Corte Internazionale di Giustizia (CIG) ha stabilito che gli insediamenti israeliani in Palestina violano il diritto internazionale. Il...

Con un voto del Parlamento Israele ha finalmente ammesso la sua natura coloniale

«La Knesset si oppone fermamente alla creazione di uno Stato palestinese», perché «rappresenterebbe un pericolo esistenziale per lo Stato...

Fare società altrove: la comunità filippina di Milano e la pallacanestro come mezzo culturale

Secondo il censimento del 1° gennaio 2023 la seconda popolazione extracomunitaria più numerosa nella città di Milano è quella...

Crowdstrike: il bug del computer che sta impallando il mondo intero

All’albeggiare del 19 luglio, il popolo australiano si è svegliato e ha scoperto che molti dei computer di aziende...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI