giovedì 6 Ottobre 2022

Il voto elettronico è insicuro e a rischio brogli, l’Italia ne avvia l’introduzione

Il 9 luglio 2021, il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e il Ministro per l’Innovazione Ecologica e la Transizione Digitale Vittorio Colao hanno adottato un decreto per la sperimentazione del voto elettronico.

Il decreto prevede una gradualità nella sperimentazione: ci sarà una fase iniziale di simulazione in cui il voto digitale sarà privo di valore legale e poi una seconda fase in cui il voto avverrà in un contesto elettorale e acquisirà valore legale. La sperimentazione interesserà almeno 7,5 milioni di italiani (3 milioni di fuorisede e 4,5 di residenti all’estero), che potranno votare digitalmente e a distanza. Probabilmente però toccherà molte più persone, perché chiunque si troverà al di fuori del proprio comune per ragioni di lavoro, studio o salute sarà autorizzato a votare a distanza.

Il decreto è partito dall’inizativa del Presidente degli Affari costituzionali della Camera Giuseppe Brescia (del Movimento 5 Stelle), che nel 2019 aveva istituito un fondo di un milione di euro per l’introduzione del voto elettronico.

Sono numerose le voci critiche. L’e-voting è considerato da molti una procedura inadeguata: falle nei sistemi, violazioni della privacy degli utenti, fino anche ad alterazioni dei dati elettorali elettronici sono solo alcune delle ragioni che hanno portato a denunce contro l’e-voting negli Stati Uniti, dove il sistema è in uso. Oltretutto, in Italia c’è un forte ‘digital divide’, che precluderebbe a molti questa risorsa e rinforzerebbe quindi disuguaglianze già esistenti. Per quanto si possa poi ribadire che il processo è ufficiale, trasparente e verificato, i sistemi elettronici sono esposti sia a problemi tecnici che a fenomeni maligni come l’hackeraggio.

Ma la principale ragione del diffuso scetticismo è l’estrema difficoltà a verificare e riconteggiare i voti ad elezioni fatte. I dati elettronici possono essere cancellati o perdersi, mentre è difficile che questo avvenga per delle schede cartacee. Gli unici sistemi di votazione elettronica sicura sembrerebbero essere quelli in cui è presente una qualche forma di supporto cartaceo (solitamente si tratta di una ricevuta che viene poi inserita in un’urna come avviene nelle elezioni tradizionali). Non è questo il caso del voto elettronico in corso di sperimentazione, che quindi è passibile di alterazioni.

In molti paesi europei, la votazione elettronica è già stata testata e accantonata, e a volte addirittura dichiarata incostituzionale, per via della sua insicurezza. Perché l’Italia non sta tenendo conto di queste esperienze e si sta avviando su una via complessa, estremamente cara e particolarmente fragile?

[di Anita Ishaq]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI